UN PORTOGHESE VINCE SULLA BANDA DEI KENIANI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Helder Ornelas, portoghese trentunenne, dopo una rispettabile carriera nel cross si è lanciato in una nuova avventura: correre la maratona. E il suo debutto è stato quanto di meglio potesse desiderare: è riuscito a vincere non solo dei forti avversari, ma anche a correre sotto il muro delle 2 ore e 10, sebbene di un solo secondo.

L’ambizioso obiettivo di fare il record della maratona più veloce corsa in Italia ha avuto vita breve, viste le condizioni climatiche prossime allo 0, infatti le lepri designate hanno portato gli atleti ad un passaggio alla mezza maratona in 1:04:58, un minuto più lento del previsto. Dopo il trentesimo chilometro davanti ci sono i keniani Michael Rotich, Paul Kirui, Frederick Cherono, Albert Matebor e Festus Kioko. Nonostante alla mezza maratona Ornelas fosse staccato di un minuto con facilità rimonta e supera gli stupefatti keniani al km33, solo Kirui cerca di opporre resistenza ma al km35 Ornelas stacca anche lui che alla fine arriverà secondo. Impressionante seconda metà di gara del portoghese 1:03:55, aiutato tatticamente dal suo allenatore Antonio Sousa anch’egli in gara e quinto all’arrivo che gli ha detto di partire tranquillo e fare una gara in rimonta.

Gara in rimonta anche per Giuliano Battocletti che riscatta il ritiro dalla maratona di New York con un bel terzo posto e nuovo primato personale.

Nella gara femminile, invece, niente sorprese: la favorita Hellen Kimutai, nona alla maratona dei mondiali, ha vinto senza troppi problemi, seconda la messicana Angelica Sanchez e terza un'esultante neozelandese Rebecca Moore che ha frantumato il proprio personale e centrato il minimo per i Commonwealth Games che si terranno a marzo in Australia.

RISULTATI:
UOMINI
1. Helder Ornelas (Por) 2.09.59;
2. Paul Kiprop Kirui (Ken) 2.11.28;
3. Giuliano Battocletti (Cover Mapei) 2.11.58;
4. Michael Rotich (Ken) 2.14.31;
5. Antonio Sousa (Por) 2.14.42;
6. Paulo Gomes (Por) 2.16.03;
7. Ribag Saaid (Mar) 2.16.26;
8. Medaska Bedade (Eth) 2.16.39;
9. Frederick Cherono (Ken) 2.17.52;
10. Albert Matebor 2.18.05;
DONNE
1. Hellen Kimutai (Ken) 2.28.48;
2. Angelica Sanchez (Mex) 2.33.52;
3. Rebecca Moore (NZL) 2.36.31;
4. Banuelia Mrashan (Eth) 2.38.50;
5. Merima Demboba (Eth) 2.43.43;
6. Delecha Bekele (Eth) 2.46.55;
7. Dorota Ustianowska (Pol) 2.47.33;
8. Anna Von Shcenck (Swe) 2.48.00;
9. Anna Binasi (Gre) 2.49.50;
10. Tiziana Morra (Ita) 2.52.55;

fonte: IAAF/foto IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *