MOTTRAM SOTTO I 4 MINUTI NEL MIGLIO… SU ERBA!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Al Devonport Carnival tenutosi giovedì scorso, l'Australia ha cominciato a mostrare le carte che giocherà ai prossimi Giochi del Commonwealth, nel marzo prossimo. Craig Mottram ha corso la distanza di un miglio in 3:58.79, un ottimo tempo su ogni superficie, ma ancora più sull'erba, dove in realtà si è corso…

La prestazione dell'atleta di punta della squadra australiana è stata ottima e l'unico a restargli davanti è stato Craig Brown che era partito con 260m di vantaggio.

Nei 1600m femminili, si sono fatte spazio invece quelle che probabilmente saranno tra le protagoniste delle siepi. Victoria Mitchell, di ritorno dagli Stati Uniti dove si è trasferita per motivi di studio, ha gestito la gara piuttosto bene. Infatti, nonostante il vantaggio iniziale di 10 metri da Melissa Rollison e 20 metri da Donna MacFarlane si sia pressochè esaurito nelle fasi finali della gara, la Mitchell ha decisamente dominato sulle due rivali.
Particolarmente incoraggiante per la squadra australiana è stato vedere la MacFarlane così competitiva dopo la nascita dei suoi due bambini.

Un pò in ombra è invece sembrata Jana Pittman, Campionessa del Mondo nel 2003 nei 400m ostacoli. Il suo secondo posto nelle batterie non è bastato neanche ad entrare nelle finali.

Un nuovo nome invece si fa largo nel mezzofondo veloce femminile, quello di Caitlin Willis. Ha corso i 400m in 52.41: a questo punto sembra incerto se ai Giochi del Commonwealth, oltre alla staffetta 4x400m, correrà i 400m o gli 800m che fino ad oggi erano stati la sua specialità preferita.

Qualche interessante novità è venuta quindi dall'Australia, all'inizio della stagione di gare estiva. Il 26 gennaio partirà la serie A, e sarà allora che potremo apprezzare a pieno il lavoro dei tecnici giallo-verdi.

Un augurio di un buon 2006 da parte mia e di tutta la redazione di Atleticanet.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *