A QUASI 41ANNI TORNA DIETER BAUMANN

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il campione olimpico dei 5.000mt. del 1992, il controverso tedesco Dieter BAUMANN, il 31 dicembre è tornato alle gare a quasi 41anni (nato il 09/02/1965), finendo terzo a 12 secondi dal vincitore in una corsa su strada internazionale di 11km. in Germania. E' stato il più forte fondista tedesco di tutti i tempi, il solo viso pallido negli anni '90 a contrastare lo strapotere degli atleti africani. S'era ritirato dopo i Mondiali del 2003 a Parigi dove non riuscì ad accedere alla finale dei 10.000mt.

BAUMANN rimarrà nella storia per come beffò nel rettilineo finale dei 5.000mt. alle Olimpiadi di Barcellona del 1992 atleti come Paul BITOK (Ken) , Fita BAYESSA (Eth), Brahim BOUTAYEB (Mar), Yobes ONDIEKI (Ken), Worku BIKILA (Eth) che lo sovrastavano nettamente nel pronostico. Già alle Olimpiadi del 1988 mancò di poco il colpaccio finendo 2° sempre sui 5.000mt. grazie al suo rush finale micidiale, che gli derivava dall'esperienza sui 1.500mt. Dopo il 1992 continuerà ad insidiare gli africani, però senza ripetersi. E' stato anche Campione Europeo della stessa distanza nel 1994.

Le sue performances migliori sono quelle del 1997-1998, periodo in cui portò i record europei a 12:54,70 sui 5.000mt. e a 7:30,50 sui 3.000mt. Nell'ultima parte della carriera tentò d'allungare sui 10.000mt., cogliendo due 2° posti ai Campionati Europei del 1998 e 2002. Tentò un approccio anche nella maratona, ritirandosi però a quella di Amburgo del 2002.

Il suo nome è rimasto famoso anche per la lunga battaglia legale successiva al test del 19 ottobre 1999 quando venne trovato positivo al nandrolone e squalificato dalla IAAF per 2 anni. Continuò lo stesso l'attività nel 2000 autorizzato dalla sua federazione ma non dalla IAAF, che gl'impedì però di partecipare alle Olimpiadi di Sidney. Venne sospeso in via definitiva nel 2001 e riammesso a gareggiare nel 2002.

Ora BAUMANN si ripropone all'attenzione internazionale dopo due stagioni d'interruzione, con intenzioni che paiono molto impegnative, di livello agonistico assoluto; da scoprire se ancora proiettato in pista oppure convertito alle corse su strada e quindi alla maratona. Sta di fatto che i suoi dati anagrafici lo fanno inquadrare anche come atleta master, capace di migliorare i mondiali della categoria M40 per le distanze lunghe su pista. E' da ricordare che il tedesco detiene la miglior prestazione europea M35 dei 5.000mt. con 13:07,40.

Migliori prestazioni mondiali M40
1.500mt: 3:44,89 Luis Jose GONCALVES (Bra) (04/12/1958) 04-06-1999
3.000mt: 8:05,08 Martti VAINIO (Fin) (30/12/1950) 12-06-1991
5.000mt: 13:43,15 Mohamed EZZHER (Fra) (26/04/1960) 03-07-2000
10.000mt: 28:30,88 Martti VAINIO (Fin) (30/12/1950) 25-06-1991

Titoli e piazzamenti
1986: 12° 5000mt. Campionati Europei
1987: 2° 3000mt. Europei Indoor
1988: 2° 5000mt. Olimpiadi
1989: 1° 3000 Europei Indoor – 3° 3.000mt. Mondiali Indoor
1990: infortunio
1991: 4° 5000mt. Campionati Mondiali
1992: 1° 5000mt. Olimpiadi
1993: infortunio
1994: 1° 5000mt. Campionati Europei
1995: 9° 5000mt. Campionati Mondiali
1996: 4° 5000mt. Olimpiadi
1997: 5° 5000mt. Campionati Mondiali
1998: 2° 10000mt. Campionati Europei
1999: positività nandrolone
2000: non ammesso dalla IAAF alle Olimpiadi
2001: sospensione per doping
2002: 2° 10000mt. Campionati Europei

Le sue migliori prestazioni
800mt.: 1:48,40 (1990)
1000mt.: 2:18,79i (1989)
1500mt.: 3:33,51 (1997)
Miglio: 3:51,12 (1992)
2000mt.: 4:59,88 (1987)
3000mt.: 7:30.50 (1998)
5000mt.: 12:54,70 (1997)
10000mt.: 27:21,53 (1997)

La sua progressione
1982 (17): 1500 4:03,75 – 3000 8:36,66 – 5000 15:42,96
1983 (18): 1500 3:49,36 – 3000 8:16,31 – 5000 14:40,4
1984 (19): 1500 3:50,37 – 3000 8:05,93 – 5000 14:21,54
1985 (20): 1500 3:42,52 – 3000 7:51,52 – 5000 13:48,00
1986 (21): 1500 3:36,40 – 3000 7:52,24 – 5000 13:35,04
1987 (22): 1500 3:33,54 – 3000 7:40,26 – 5000 13:30,89
1988 (23): 1500 3:34,82 – 3000 7:50,30 – 5000 13:15,52
1989 (24): 1500 3:34,25 – 3000 7:38,94 – 5000 13:18,36 – 10000 29:03,33
1990 (25): 1500 3:40,38 – infortunio
1991 (26): 1500 3:34,93 – 3000 7:33,91 – 5000 13:24,58
1992 (27): 1500 3:33,91 – 3000 7:38,10 – 5000 13:09,03
1993 (28): infortunio
1994 (29): 1500 3:38,49 – 3000 7:34,69 – 5000 13:12,46 – 10000 28:20,66
1995 (30): 1500 3:34,49 – 3000 7:33,56 – 5000 13:01,72
1996 (31): 1500 3:36,77 – 3000 7:44,66 – 5000 13:08,81
1997 (32): 1500 3:33,51 – 3000 7:31,81 – 5000 12:54,70 – 10000 27:21,53
1998 (33): 1500 3:42,00 – 3000 7:30,50 – 5000 13:04,10 – 10000 27:32,31
1999 (34): 1500 3:37:22 – 3000 7:37,73 – 5000 13:02,63 – 10000 n. t.
2000 (35): 1500 3:37,18 – 3000 n. t. – 5000 13:13,83 – 10000 n. t.
2001 (36): 3000i 7:47,29 – sospensione per doping
2002 (37): 1500 n. t. – 3000 7:40:68 – 5000 13:07,40 – 10000 27:38,51
2003 (38): 1500 n. t. – 3000 7:43:86 – 5000 13:15,07 – 10000 28:28,47

fonte: AtleticaNET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *