AD EDIMBURGO VINCONO BEKELE E BURIKA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Ieri, Sabato 14 Gennaio, Kenenisa Bekele ha conquistato agevolmente la vittoria in un cross così importante come quello di Edimburgo. In campo femminile, invece, su tutte si è imposta l’etiope campionessa del mondo junior Gelete Burika Bati, davanti alla keniana Isabella Ochichi, medaglia d’argento alle Olimpiadi sui 5.000 m.

La partenza della gara maschile, disputata sulla distanza di 9,2 km, è stata posizionata sotto il Palazzo di Holyrood, vecchio monarca della Scozia. La sorpresa della giornata è stata sicuramente quella di non avere per tutta la gara il campione etiope al comando, ma al suo posto c’è stato il detentore del record mondiale sui 3000 siepi, Saif Saaeed Shaheen, che ha dato l’impressione di poter vincere la corsa. Nell’ultimo chilometro, invece, i dieci metri che lo separavano da Bekele sono stati annullati da un grande allungo dell’etiope, che negli ultimi 200 metri si è preso il lusso di staccare l’atleta del Qatar di ben 4 secondi. Al terzo posto si è piazzato la stella dell’Eritrea Zersenay Tadesse. Grande festa per l’americano Dathan Ritzenhein, che con il suo quarto posto si è preso il lusso di essere il primo degli europei, perfino davanti all’ucraino Sergiy Lebid.
A fine gara Bekele si è dichiarato soddisfatto della sua condotta di gara e piacevolmente sorpreso di aver finalmente trovato in Shaheen un avversario del suo livello.

In campo femminile, nei 6 km del percorso, si è assistito ad un evento del tutto eccezionale: due atlete di massimo livello come la keniana Isabella Ochichi e l’etiope che deteneva il titolo dell’anno scorso Tirunesh Dibaba sono state messe in fila da una fresca ventenne che le ha lasciate indietro poco dopo lo sparo del via. Al quarto posto è finita un’altra keniana, Hilda Kibet, mentre per trovare la prima delle europee (o meglio la prima delle non africane) bisogna arrivare alla settima piazza, agguantata dall’ungherese Aniko Kalovics

RISULTATI:

Uomini 9.2km:
1 K Bekele (Eth) 26:08,
2 S Shaheen (Qat) 26:12,
3 Z Tadesse (Eri) 26:18,
4 D Ritzenhein (USA) 27:03,
5 S Lebid (Ukr) 27:22,
6 T Bacha (Eth) 27:51,
7 T Shifer (Eth) 27:51,
8 A Jones (Salford) 28:00,
9 P Julian (USA) 28:15,
10 M Kennelly (Irl) 28:33

Uomini 4km:
1 N McCormick (Eng) 12:16,
2 M Skinner (Eng) 12:17,
3 B Bene (Hun) 12:17,
4 K Shepherd (Sco) 12:28,
5 S Overall (Eng) 12:29,
6 S Plummer (Sco) 12:34,
7 M Draper (Eng) 12:36,
8 J McAlister (Irl) 12:39,
9 G Comish (Eng) 12:42,
10 M Morris (Eng) 12:46.

Donne 6km:
1 G Burika (Eth) 19:01,
2 I Ochichi (Ken) 19:12,
3 T Dibaba (Eth) 19:21,
4 H Kibet (Ken) 19:47,
5 G Getenah (Eth) 19:48,
6 E Dibaba (Eth) 19:49,
7 A Kalovics (Hun) 19:59,
8 H Yelling (Eng) 20:06,
9 K Butler (Sco) 20:10,
10 H Clitheroe (Eng) 20:16

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *