ISINBAYEVA AL NUOVO RECORD DEL MONDO!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Ormai sembra che dovremo farci l’abitudine, perché quando gareggia Yelena Isinbayeva il record del mondo è sempre nell’aria. E’ successo (per il terzo anno consecutivo) anche questa volta a Donetsk al Gala dell’asta organizzato da Sergey Bubka. 4 metri e 91 cm, il diciannovesimo primato mondiale battuto fra indoor e outdoor. “Era la prima uscita della stagione e sentivo un po’ di pressione, inoltre era la prima gara da quando ho cambiato allenatore” ha dichiarato Yelena. Dopo un errore alla quota d’entrata (4,61) la russa è andata su a 4,71 e quindi a 4,81 senza problemi, un errore di calibrazione sulla misura del record e poi tutto liscio alla seconda prova. Dietro di lei la solita coppia di polacche con Monica Pyrek seconda a 4,76 (Primato personale e record nazionale) e Anna Rogowska a 4,61. A Birmingham gli organizzatori del prossimo Norwich Union Grand Prix già sognano il bis. La Isinbayeva ad appena 23 anni si appresta a diventare una delle più grandi atlete di sempre.
Fra gli uomini la situazione è più equilibrata in quanto attualmente manca un vero dominatore, qui vittoria è andata all’australiano Paul Burgess con 5,80 alla prima prova davanti al sempre più sorprendente svedese Alhaji Jeng secondo per numero di errori. Da segnalare che Burgess, membro dell’esclusivo club dei “seimetristi” ha saltato con le aste prestatigli da Igor Pavlov perché le sue non sono arrivate in tempo a causa di un disguido allo smistamento bagagli. “E’ stata la più incredibile e divertente gara alla quale abbia mai partecipato” ha dichiarato l’australiano. Da tenere d’occhio anche questo Jeng che nel giro di una settimana ha migliorato il record svedese per due volte. Terzo il polacco Przemyslaw Czerwinski a 5,70 al nuovo personale assoluto. Il nostro Giuseppe Gibilisco ha fallito 3 volte la misura d’entrata a 5,50.

fonte: IAAF / EAA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *