CAMPIONATI ASIATICI INDOOR

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nel suo debutto sulla distanza indoor, il primatista e campione mondiale dei 3000 sp Saif Saeed Shaheen ha subito fatto intendere che anche quest’anno bisognera’ fare i conti con lui. Si e’ aggiudicato infatti il titolo continentale in 7’39”77, quinta prestazione indoor dell’anno, regolando con facilita’ un duo di atleti del Bahrein.

Di qualche rilievo la gara dell’asta maschile, che ha visto prevalere il giapponese Daichi Sawano con la comunque rispettabile quota di 5,60, davanti al cinese Yansheng Yang (5.40) e al kazako Alexandr Ashamed (5.30)

Ancora oro pesante per il Giappone dalla pedana del lungo femminile, dove la favoritissima indiana Anju Bobby George, che ricordiamo seconda alle finali IAAF di Monaco con un personale stagionale di 6,75, ha confermato la sua allergia alle pedane indoor, fermandosi ad un per lei modesto 6,32 e dando cosi’ via libera a Maho Hanaoka, che con 6,40 ha fatto sua la gara.

Quasi en-plein per la Cina infine nei 3000 femminili, con Xiaolin Zhu (9:25.60) e Weiwei Sun (9:25.69) sui due gradini piu’ alti del podio
Nel medagliere finale Cina e Kazakistan hanno sei ori a testa, seguiti da Tailandia e Giappone con 4 e dal Qatar che ha piazzato tre vincitori nelle tre gare di mezzofondo, aggiudicandosi oltre i 3000 con Shaheen anche i 1500 (Daham Najim Bashir in 3’44”04) e gli 800 (Salem Amer Al-Badri 1’50”93)

fonte: IAAF – GBRAthletics.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *