FIDAL PORDENONE, IL COMMISSARIO LAVORA PER L’ASSEMBLEA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Il commissario Francesco Monterosso è già all'opera. L'obiettivo dell'inviato della federazione regionale è quello di giungere al più presto, possibilmente per l'inizio di aprile, a convocare l'assemblea destinata a eleggere i nuovi vertici. A Udine, intanto, il Consiglio regionale della Fidal ha esaminato la situazione pordenonese. Dopo la lettura della relazione del revisore dei Conti, il “team” ha proposto all'unanimità lo scioglimento del Comitato e il conseguente commissariamento.

Monterosso, giudice nazionale federale, è stato quindi chiamato a seguire la situazione. Venerdì ad Ancona il provvedimento avrà il placet del Consiglio nazionale. «La causa, unica, che ci ha portati a proporre un tale provvedimento a Roma – segnala il presidente friulgiuliano, Romano Isler – sta nelle gravi irregolarità gestionali riscontrate durante il 2005, tutte da addebitare al presidente in carica, Paolo De Vellis. Le dimissioni da lui stesso date il 2 febbraio, pur essendo valide, non ne sono stata dunque la causa.

Le motivazioni (la perdita dell'unitarietà del Consiglio,ndr) pubblicamente addotte per quello stesso atto non possono quindi essere accettate. Prova ne sia che il solo consigliere Cuscunà ha dato le dimissioni, successive a quelle del presidente, con motivazioni per altro esclusivamente di carattere personale. Inoltre – aggiunge – il Comitato regionale non era e non è a conoscenza di conflitti di opinioni o contrasti fra i vari consiglieri. Era invece stato rilevato uno stato di disagio di fronte all'irregolare comportamento di De Vellis nella gestione». È stato ribadito dal gruppo regionale l'auspicio che le società del Pordenonese «sappiano trovare al loro interno un nuovo vertice degno della fiducia di tutti e che gli attuali consiglieri continuino a dare compatti il loro apporto per il successo del nostro sport».

fonte: Il Gazzettino di Pordenone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *