GRANDI MANOVRE ALL’EST

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Cominciano le manovre di avvicinamento ai mondiali indoor in programma a Mosca fra 3 settimane. Atleticanet da un’occhiata a cosa sta succedendo nell’est Europa fra grandi atleti che ricompaiono e campioni che si riconfermano.

Cominciamo con Marian Oprea che ai campionati nazionali a Bucarest ha saltato 17,70 nel triplo quinta misura indoor di tutti i tempi. Oprea (argento alle olimpiadi di Atene e bronzo ai recenti mondiali di Helsinki) è ormai da tempo uno degli specialisti più regolari sopra i 17 metri ma non ha ancora ottenuto la grande medaglia. Visto il suo crescendo di forma però si presenterà a Mosca come favorito.

Rimanendo in Romania è ormai pronta al rientro dopo un lungo periodo di stop a causa di un infortunio, anche la mezzofondista veloce Maria Cioncan vittoriosa l’anno scorso sugli 800 in Coppa Europa a Firenze.

Enormi progressi anche per la saltatrice croata Blanka Vlasic che ha superato recentemente la misura di 2,05 al meeting di solo salto in alto a Banska Bistrica in Slovacchia. La Vlasic ha anche tentato un attacco al record del mondo appena stabilito dalla svedese Kajsa Bergqvist fallendolo di pochissimo. Dopo un 2005 da dimenticare a causa di problemi fisici, l’altissima saltatrice di Spalato è tornata alle competizioni più decisa e molto dimagrita e si sta confermando su quote elevatissime gara dopo gara. Ai prossimi mondiali si Mosca si preannuncia un grande duello con la Bergqvist.
Nello stesso meeting 2,36 dell’ucraino Andrey Sokolovskiy con tentativo a 2,39 sbagliato di poco.

Infine un occhio ai campionati Russi in svolgimento a Mosca dove abbiamo assistito al ritorno di Svetlana Feofanova una delle eroine del salto con l’asta fino all’avvento della Isinbayeva. La Feofanova che recentemente ha già saltato 4,64 ha vinto il titolo con la misura di 4,55 e continua la sua rincorsa alle misure di eccellenza anche se al momento la Isinbayeva resta su un altro pianeta.

Sempre da Mosca da segnalare il record Europeo U23 nel peso maschile ad opera del 21enne Anton Lyuboslavskiy; 20,75 la sua misura e le vittorie nei 60 piani per entrambi i favoriti, Andrei Yepishin con 6”62 fra gli uomini e Maria Bolikova con 7”20 fra le donne (assente per infortunio la favorita Yuliya Tabakova)

Infine una nota per Yuriy Borzakovskiy che si è schierato a sorpresa sui 1500 (vincendo la sua batteria in 3’47”13) Il fortissimo ottocentista russo continua a stupire per la sua apparente irrazionalità nel preparare i grandi appuntamenti .

fonte: IAAF, Rusathletics, EAA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *