CAMPIONATI INDOOR STATUNITENSI – PREVIEW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

A Boston si attende con impazienza l’apertura di questa mini parentesi di atletica invernale, dei veri e propri trials per decidere chi prenderà l’aereo per Mosca.
L’attenzione sarà puntata soprattutto sui 400 dove è prevista la presenza del nuovo primatista del mondo dei 300, Wallace Spearmon. Il fortissimo velocista americano, dal caratteristico incedere con catenina d’oro tra i denti, promette battaglia sui due giri del pistino indoor. I 400 saranno la sua nuova distanza per il futuro sulla falsa riga di quanto ha fatto in passato Michael Johnson, uno che Spearmon conosce bene e studia attentamente in videocassetta. Spearmon affiancherà quindi in futuro 200 e 400 al fine di non ristagnare solo sulla distanza più breve.
A sfidarlo saranno niente di meno che LaShawn Merritt, 21enne, ma già autore di pregevoli prestazioni, Tyree Washington, esperto quattrocentista tanto al coperto quanto all’aperto, campione del mondo indoor nel 2003, e Milton Campbell neo-primatista mondiale stagionale proprio sui 400.

Altri atleti di livello, medalgie iridate agli ultimi mondiali di Helsinki, saranno Dwight Phillips nel lungo (siamo certi che Andrew Howe seguirà la gara da vicino), Walter Davis nel triplo, Adam Nelson nel peso, Lauryn Williams sui 60 e Tianna Madison ancora nel lungo.

Sui 60 risaltano i nomi di Shawn Crawford, Leonard Scott, John Capel, Coby Miller ed il capolista stagionale Johnie Drake. Che sia proprio quest’ultimo a fare lo sgambetto ai tanti big presenti?

Particolare la sfida di Terrence Trammell: tenterà la doppietta non facile 60 metri e 60 metri ostacoli. Dominique Arnold proverà a fargli andare di traverso la cosa, almeno per quanto riguarda i 60 hs.

MeLisa Barber e Lauryn Williams vengono date per favorite sui 60, ma attenzione alla rientrante Torri Edwards ed alla rapida Angela Daigle, una che lo scorso anno fece faville.

Johanna Hayes si troverà di fronte Danielle Carruthers sui 60 hs, con una serie di giovani pronte a tutto pur di arrivare nelle prime tre.

Amy Acuff nell’alto proverà a spuntarla su Chaunte Howard, una che quest’anno ha concesso ben poco alle avversarie. Tora Harris e Jamie Nieto condurranno il testa a testa nella competizione al maschile.

Nell’asta ci saranno un po’ tutti. Dal migliore dell’anno Jeff Hartwig, ai migliori delle passate stagioni, vale a dire Toby Stevenson, Tim Mack e Brad Walker. Se le cose gireranno nel verso giusto ci sarà da divertirsi.

Adam Nelson avrà vita tutt’altro che facile nel peso. Ingombreranno la pedana una serie di giganti rispondenti al nome di John Godina, Reese Hoffa e Christian Cantwell.

Il mezzofondo sarà un po’ il tallone d’Achille della manifestazione anche se è lecito aspettarsi qualche sorpresa anche in questo settore.

Appuntamento per il weekend quindi nel Roxbury Community College di Boston, sede dell’edizone 2006 dei Campionati statunitensi indoor. Lo spettacolo sta per avere inizio.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *