MARZO 2006 – NEL BLU DIPINTO DI BLU (ARRIGO GHI)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Toccare il cielo con l’aiuto dell’asta. Arrigo Ghi è tornato a calcare la pista dopo quarant’anni per provare di nuovo quell’emozione.

La sua storia è oltremodo speciale. Nei primi anni Sessanta Arrigo Ghi è stato campione italiano allievo e juniores di salto con l’asta. In quel periodo venivano utilizzate aste rigide di acciaio svedese e una tecnica di salto completamente diversa dall’attuale; inoltre, la caduta avveniva in una vasca di sabbia cinta da un pericoloso cordolo di cemento. «A 17 anni saltavo già 4,20 m – ricorda Arrigo –. In quell’anno il record del mondo assoluto era di 4,82 m. Smisi nel 1963, nel momento in cui fu introdotta l’asta di fibra, che la mia società non era in grado di acquistare. Ero inoltre stanco degli infortuni causati dalle cadute sulla sabbia.» Ma cosa ha spinto questo apprezzato titolare di un laboratorio di stampa fotografica, l’unico in Italia specializzato in immagini di artisti, a tornare in pedana dopo quarant’anni di inattività? «Nel 2003 venni invitato alla festa per i 130 anni della Fratellanza Modena – spiega –. Fu in quell’occasione che Alessandro Manfredi mi propose di tornare a vestire i panni dell’atleta per dare un contributo alla squadra master. Accettai l’invito con curiosità e voglia di divertirmi, lo stesso spirito con cui mi avvicinai all’atletica a 15 anni.»
Certo non è stato facile ripresentarsi in pedana alle soglie dei 60 anni. Il primo nemico da battere è stato proprio lo scetticismo di chi pensa che “ogni frutto abbia la sua stagione” e non riesce a comprendere l’attività master. La simpatia e il carattere carismatico di Arrigo, però,
hanno sciolto molti dei pregiudizi che l’avevano accolto sulla pista modenese. Dopo un’intera stagione dedicata alla preparazione atletica, sotto la guida di Giuliano Corradi, e all’apprendimento della tecnica di salto (per lui completamente nuova), in cui è seguito da Antonio Brandoli, lo scorso anno ha stabilito, con la misura di 3,41 m, la migliore prestazione italiana per la categoria M60. Il suo obiettivo è molto più ambizioso: «Vorrei raggiungere i 4 metri e stabilire la migliore prestazione mondiale di categoria». A sostenerlo in questa sfida ci sono la sua famiglia (la moglie e le due figlie), i suoi giovani compagni di allenamentoe il folto gruppo di ragazze dai 13 ai 15 anni) a cui Arrigo, in veste di allenatore, sta trasmettendo la sua contagiosa passione per il salto con l’asta.

Nella foto Arrigo Ghi – di W.Corbelli

SALTO CON L’ASTA: I RECORD MASTER
a cura di Werter Corbelli

Migliori prestazioni italiane
M35 5,30 i. Marco Andreini (1961) Genova 22 febbraio 1997
M40 4,60 Marco Andreini (1961) Pescara 3 settembre 2002
M40pre 4,90 Marco Andreini (1961) Bressanone 15 giugno 2001
M45 4,30 Hubert Indra (1957) Lana 23 giugno 2004
M50 3,70 Mario Gaspari (1940) Budapest (UNG) 5 luglio 1990
M55 3,50 Galdino Rossi (1938) Milano 22 maggio 1994
M60 3,41 Arrigo Ghi (1945) Comacchio 4 giugno 2005
M65 3,15 Galdino Rossi (1938) Aarhus (DAN) 30 luglio 2004
M70 2,60 Amelio Compri (1925) Durban (RSA) 22 luglio 1997
M75 2,50 Amelio Compri (1925) Brisbane (AUS) 13 luglio 2001
M85 2,10 Amelio Compri (1925) Comacchio 4 giugno 2005
M85 1,42 Vittorio Colò (1911) Gateshead (GBR) 30 luglio 1999

Migliori prestazioni mondiali
M35 5,88 i. Jeff Hartwig (USA,1967) Jonesboro (USA) 22 febbraio 2004
M40 5,50 a. Larry Jassee (USA, 1952) El Paso (USA) 24 settembre 1996
M45 5,10 Larry Jassee (USA, 1952) El Paso (USA) 10 agosto 1997
M50 4,73 Wolfgang Ritte (GER,1953) Soest (GER) 16 maggio 2004
M55 4,26 Hans Lagerqvist (SVE, 1940) Visby (SVE) 24 agosto 1996
M60 3,91 i. Dale Lance (USA, 1937) Boston (USA) 28 marzo 1998
M65 3,77 Richmond Morcom (USA, 1921) – 3 agosto 1986
M70 3,31 Robert Brown (GBR, 1932) Potsdam (GER) 22 agosto 2002
M75 3,05 William Bell (USA, 1922) Los Angeles (USA) 6 dicembre 1997
3,05 Bud Held (USA, 1927) Mission Viejo (USA) 3 agosto 2003
M80 2,60 William Bell (USA, 1922) Decatur (USA) 6 agosto 2004
M85 2,28 i. Carol Johnston (USA, 1911) Eagle Rock (USA) 16 febbraio 1997
M90 1,83 Donald Pellmann (USA,1915) Fort Collins (USA) 4 settembre 2005

[Clicca qui] per scaricare il pdf contenente il presente articolo nella veste grafica originale.

fonte: Correre – marzo 2006 – Pianeta Master di R.Marchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *