MONDIALI INDOOR PREVIEW – SALTI E LANCI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Uno sguardo su quali saranno i principali highlights tra gli eventi di salti e lanci che si terranno in occasione degli 11esimi Campionati Mondiali Indoor, i prossimi 10, 11 e 12 marzo, a Mosca. In totale le gare di questo tipo saranno 10, divise in 5 maschili e 5 femminili: alto, asta, lungo, triplo e peso.

La Russia la farà probabilmente da padrone dell'alto maschile. Yaroslav Rybakov, ad Arnstadt, è arrivato ad un centimetro dal record nazionale di 2.38m. Tuttavia ha dovuto cedere il passo ad Andrey Tereshin (2.36m) durante i Campionati Russi. L'ucraino Andriy Sokolovskyy è stato il migliore lo scorso anno con 2.36, ed anche dalla Svezia arrivano atleti candidati all'oro: Stefan Holm (2.29 ai Campionati Svedesi), tre volte Campione Indoor, sarà affiancato dal giovane Linus Thornblad (2.34m).
L'alto femminile ha perso una delle favorite quando, qualche giorno fa, la svedese Kajsa Bergqvist ha dovuto annunciare la sua mancata partecipazione a Mosca a causa di un infortunio (a febbraio ha fatto segnare il record del mondo indoor di 2.08m). A questo punto la favorita sembra essere la croata Blanka Vlasic, che, con 2.05m, questo inverno ha fatto segnare il quinto record nazionale. A farle fronte ci saranno la ceca Barbora Lalàkovà e la belga Tia Hellebaut, entrambe però sotto i 2 metri nell'ultima stagione.

L'asta vede favorito l'americano Jeff Hartwig, titolare del terzo miglior salto di sempre, 6.02m, fatto nel 2002. Anche se ultimamente non sembra all'altezza di quelle misure, il salto di 5.85 fatto a metà febbraio lo candida come favorito. Tim Lobinger e Fabian Schultze sono due tra i più agguerriti rivali, con salti intorno ai 5.80m per tutta la stagione invernale. L'israeliano Alexander Averbukh ha recentemente saltato 5.81 e l'australiano Paul Burgess e lo svedese Alhaji Jeng sono anche loro capaci di superare i 5.80m. L'arena competitiva è insomma accesissima.
In campo femminile, l'asta è principalmente un gioco a tre, con la Campionessa in carica Yelena Isinbayeva con qualche speranza in più rispetto alle due rivali polacche, Anna Rogowska e Monica Pyrek.

Il lungo maschile vede il suo principale concorrente in un atleta del Ghana, Ignisious Gaisah, che ormai salta intorno agli 8.30m con una certa facilità. Dopo di lui è un francese ad avere più credenziali, Salim Sdiri. Il suo personale è di 8.27m, ma durante gli scorsi Campionati francesi sembra che abbia realizzato un salto intorno agli 8.32m, poi dichiarato nullo per pochissimo. La sua partecipazione è però incerta a causa di uno stiramento riportato durante la Coppa Europa. Gli Stati Uniti portano John Moffit, che, nonostante un 2005 un pò in ombra, sembra essere tornato in gran forma, dopo aver saltato 8.23. Anche il danese Morten Jensen sembra poter dire la sua, forte dell'8.18 realizzato a Gothenberg.
Tra le donne la giovane americana Tianna Madison verrà a Mosca per vincere. La russa Tatyana Kotova ha il miglior salto dell'anno, 6.91, ma tutti sanno che l'americana è un vero talento. Ci sarà anche la russa Oksana Udmurtova, che ha saltato 6.77m ai Campionati Russi.

Il salto triplo vede il rumeno Marian Oprea forte del quinto salto di sempre indoor, 17.74m. Forti competitori saranno il nostro Fabrizio Donati, che viene dal nuovo record italiano di 17.33, il russo Viktor Gushchinskiy, anche lui accreditato di 17.33, e il brasiliano Jadel Gregorio, con 17.31.
Tra le donne, vedremo finalmente uno scontro diretto tra Tatyana Lebedeva e la jamaicana Trecia Smith, Campionessa del Mondo Outdoor e detentrice del miglior salto quest'inverno. La russa, Campionessa Indoor, ha sofferto di un infortunio al tendine di Achille, ma sembra che si sia ripresa. Delle sorprese possono sicuramente venire dalla cubana Yargelis Savigne, una giovane che ha vinto a Tallinn con 14.44m.

Nel peso lo statunitense Reese Hoffa è autore dei due salti migliori dell'inverno (21.65 e 21.61), ma il tedesco Ralf Bartels ha da poco realizzato il suo personale di 21.43, ai campionati tedeschi. Nonostante tutto il tedesco è stato superato domenica dal polacco Tomasz Majewski durante la Coppa Europa, con un lancio di 20.59 contro il 20.60 di Bartels. Anche il danese Joachim Olsen, già bronzo Olimpico e Mondiale, porterà un 21.35 come credenziale per la medaglia.
Le gare femminili sembra che saranno a senso unico con un predominio della Bielorussia. Nadezhda Ostapchuk e Natalya Khoroneko sono le leader indiscusse della specialità. La prima ha ottenuto il suo primo oro nella classifica degli assoluti la scorsa estate, lanciando il peso ad una distanza impressionante, 20.86m. Con quasi un metro in meno, c'è la compagna Khoroneko. Una delle minacce principali al predominio bielorusso verrà dagli Stati Uniti, che schiereranno Jill Camarena, che ha ottenuto 19.26 a fine febbraio e nel 2005 è stata Campionessa Indoor nazionale.

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *