FINALMENTE ANDREW WOW!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Ho il piacere di scrivere di una impresa italiana, finalmente!
La splendida medaglia di bronzo del talento reatino tanto contestato le scorse stagioni per la mancanza di acuti internazionali di livello assoluto.

Ieri, dopo la qualificazione, aveva dichiarato di sentirsi alla grande, considerando che le gare mattutine non gli vanno molto a genio: misura ottenuta al primo salto, senza forzare, atterrando “in piedi”.

Oggi è così riuscito a confermare la buona impressione destata ieri: buona la serie di salti e la freddezza dimostrata.
7.94 – 7.98 – 8.08, salto che lo poneva provvisoriamente al terzo posto, 7.65 – 8.14 – 8.19, salti che gli hanno confermato la medaglia permettendogli di stabilire la miglior prestazione italiana U23.
La vittoria è andata al favorito Gaisah con 8.30, secondo il panamense Saladino, 8.29.

Sbaglio o l’anno scorso dopo i Mondiali di Helsinki era stato sollevato un polverone attorno ai nostri talenti allenati dal “parentado”, sbaglio o avevo letto dichiarazioni inferocite sul fatto che non se ne poteva più di mamme allenatrici, sbaglio o avevo letto critiche sull’opportunità di coltivare l’ecletticità del ragazzo?

Sull’ultimo numero de “la corsa” ho letto che una mamma che in questo momento è al culmine della gioia è stata ammessa all’imminente corso per allenatori specialisti…qual è la morale? Se non possiamo combatterli…

Complimenti al team per tutti i sacrifici fatti in questi anni e per aver resistito alle pressioni subite.

fonte: Redazione di Atleticanet / Foto: Casalazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *