NEL PROMOINDOOR CADETTI DI PONTICELLI TRIONFA IL LAZIO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Contemporaneamente all’appuntamento clou del panorama internazionale, i mondiali indoor di Mosca, l’atletica giovanile nazionale ha chiuso la sua stagione al coperto con il “Promoindoor” Cadetti in programma al Palavesuvio di Ponticelli (Napoli). Negli intenti della Federatletica doveva essere un vero e proprio campionato italiano under 15, ma la manifestazione è stata snobbata dalla maggior parte delle rappresentative del centro-nord.
Ciononostante, grazie alla verve che sanno sprigionare i giovani, si è trattato di una bellissima giornata atletica che ha regalato anche dei buoni riscontri tecnici tra le circa 300 presenze gare registrate.
Iniziavano i pesisti con i successi del calabrese Martino (14,52) e della pugliese Dimo (10,49). Si passava all’alto ed alla vittoria con 1,56 della reatina Di Girolamo rispondeva con una prova incredibile l’abruzzese Francesco D’Angelo che si migliorava per sette volte consecutive portando il suo personale da 1,62 ad 1,77 al punto che alla fine non aveva neanche più la forza di esultare.
Successo all’ultimo salto con 5,17 per la quattordicenne marchigiana Romagnoli nel lungo, mentre tra i maschietti Paolo Catallo metteva tutti a tacere con un probante 6,35 corredato di atterraggio “in piedi”.
Passando alle corse, e precisamente ai 60 ostacoli, registriamo la doppietta dei lombardi dell’Interflumina con il 9”28 della Feudatari e l’ottimo 8”50 di Giacomo Del Prato. Sprint risolti sul filo dei centesimi tra il laziale Basciani (7”34) ed il campano Perna (7”35), mentre nella versione al femminile si è trattato di un derby laziale con la Latini che ha prevalso in 8”15 sulla Palmieri (8”19). Doppietta pugliese al termine di grandi lotte anche sui 1000 con arrivo al photofinish che vedeva prevalere la Cascella di un solo centesimo sulla reatina Martinelli in 3’08”18. Altra doppietta pugliese fallita di un soffio nella marcia; difatti al successo della Corcella, faceva eco Giovanni Renò solo con una drammatica squalifica a 40 metri dall’arrivo che lasciava via libera al laziale Sciatore. Le staffette finali sancivano i successi nel settore maschile per il Lazio ed in quello femminile per la Puglia. La classifica globale arrideva al Lazio che, con 349 punti precedeva nell’ordine: Puglia 340, Campania 333 e Marche 332.

fonte: diretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *