TEL AVIV: COPPA EUROPA DI LANCI – RISULTATI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Senza dubbio la miglior prestazione tecnica della manifestazione è stata quella di Kamila Skolimowska nel lancio del martello femminile con il nuovo record della manifestazione a 73.32.
Seconda la russa Khanafeyeva con 72.01, terza la Montebrun a 70.29. Quinta Clarissa Claretti con 68.79 e sesta la Balassini, che giungeva alla manifestazione come leader stagionale, ferma a 67.80.

Negli uomini primo Ziolkowsky a 79.04, secondo il russo Khersontsev con 78.54, terzo il bielorusso Shako a 77.00, Settimo e ottavo rispettivamente Nicola Tizzoni e Marco Lingua.

A sorpresa nel disco maschile la vittoria è andata al polacco Malachowski al personale con 65.01 al quarto lancio, secondo lo spagnolo Pestano a 63.40 al quinto lancio e terzo il grande sconfitto Kanter fermo a 62.55. Decimo Cristiano Andrei.

Tra le donne vittoria alla polacca Potepa con 61.89, dietro di lei la russa Yespchuk a 61.70, terza la rumena Grasu con 60.86, undicesima Laura Bordignon con 55.80.
Quarta è stata l'intramontabile 45enne bielorussa Zvereva con 60.63, che nel 2000 divenne la più “anziana” vincitrice di un oro olimpico nell'atletica leggera.

Nel peso femminile la Khoroneko, tre volte campionessa del mondo indoor, ha vinto, seppur sottotono rispetto ai recenti mondiali, con la misura di 19.18, seconda la russa Ryabikina a 18.55, terza la tedesca Kleinert con 18.30 e quarta Chiara Rosa con 18.02.

Nella gara maschile il bielorusso Mikhnevich ha vinto con 20.61, secondo il rumeno Guset a 20.41, terzo il polacco Mejewski con 20.26, lontanissimo sedicesimo Marco Dodoni con 17.87.

Nel giavellotto maschile il polacco Janik, che ha lanciato nel gruppo B, ha vinto con 81.16, secondo il russo Schkurlatov a 79.27, terzo il lettone Kovals con 78.64 e ottavo Francesco Pignata con 73.86.

Tra le donne vittoria per la tedesca Rittwey con 60.06, per la prima volta oltre la fettuccia dei 60 metri, seconda la russa Chernova, terza la spagnola Chilla e quinta Zahra Bani con 56.54. Da notare il primato personale di Silvia Carli: 51.64.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *