TEST ASTIGIANO PER LA MARCIATRICE ROSSELLA GIORDANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La marciatrice Rossella Giordano, tesserata per la Polizia Penitenziaria, effettuerà un test, in vista della Coppa del Mondo di marcia, sabato pomeriggio, nel corso della staffetta 24x1ora organizzata dalla Società Sportiva Vittorio Alfieri di Asti. La sua performance inizierà alle ore 18.00.

La manifestazione, ormai giunta alla 32° edizione, fu creata da Giorgio Fracchia – figlio di quel famoso prof. Luciano che, unico al mondo, riprese il lungo salto di Beamon in quel di Città del Messico.
Quest'anno si è registrato il record di partecipanti, ben 30 squadre composte da 24 atleti ciascuna, per un totale di 720 atleti che si daranno il cambio a partire dalle ore 14.00 di sabato pomeriggio, fino alle 14.00 del giorno successivo.
Lo scorso anno la vittoria andò al Gruppo Città di Genova.
Saranno presenti squadre dal Piemonte, dalla Liguria e anche due squadre straniere: la tedesca TG Biberach, la francese Valance, rinforzata dalla presenza di atleti polacchi. Immancabile la partecipazione del GSH Pegaso, con i suoi grintosissimi atleti disabili.

Nell'albo d'oro della manifestazione il primato di squadra va alla Corona Torino che nell'ormai lontano 1982 fece segnare 398,590m, in campo maschile invece la leadership è di Klaus Heiserer, del TG Biberach, con 19.510m nel 1993, in quello femminile primeggia Margherita Grosso, che fu anche nazionale di corsa in montagna, allora tesserata per il Fiat Sud Formia, che nel 2000 percorse 16.590m.

La manifestazione presenta due particolarità: rimane l'unica “isola” italiana che mantiene l'ora solare fino al termine della competizione e viene corsa con qualsiasi condizione di tempo – l'anno scorso non fu interrotta neanche per una violenta grandinata, della durata di mezz'ora, che si abbatté sulla città; inoltre, date le latitudini, non è raro che di notte la temperatura scenda sotto lo zero e in caso di umidità sia necessario sabbiare la pista onde evitare la formazione di lastre di ghiaccio.

fonte: Redazione di Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *