MARATONA DI PADOVA – PREVIEW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Vigilia non propriamente tranquilla per la 7^edizione della Maratona S.Antonio di Padova, evento che quest'anno sarà valevole quale Campionato Italiano Assoluto e Disabili. Dopo le giustificate polemiche del comitato organizzatore per la mancata diretta Rai, nell’ultima settimana è arrivata la “tegola” del presunto coinvolgimento di Alberico De Cecco nel ciclone doping.
Sul fronte Rai, a seguito della protesta dei nove sindaci dove transiterà la gara, c’è stato un “contentino” da parte dell’emittente statale: niente diretta ma bensì una differita di 30 minuti su Rai Due che, anziché cominciare all’1.30, inizierà alle 00.30… (in questi casi, per educazione, è obbligatorio dire grazie?)
E veniamo a De Cecco che vorrebbe essere regolarmente alla partenza, ma l’obbligo di dimora impostogli dalla procura della repubblica fa intendere il contrario. L’atleta ha chiesto una sospensione della notifica e potrebbe essere ai nastri di partenza a Vadelago, ma con che spirito? L’atteso confronto con l’atleta di casa Ruggero Pertile e Francesco Bennici (iscritto dell’ultimo momento) era una delle attrazioni principali della gara, ora vedremo come andrà a finire. Da non sottovalutare la presenza del grandissimo Giacomo Leone, tornato al grande amore dei 42 chilometri e di Sergio Chiesa.
Sicuramente sotto lo striscione d’arrivo al Pra della Valle si avranno indicazioni in prospettiva maglia azzurra per gli Europei di Goteborg.
Sul versante stranieri, i più attesi saranno i keniani Henry Sarem accreditato di 2’10”04 e Stephen Biwott (2’11”16).
Tra le donne si prevede una lotta tutta italiana con Gloria Marconi che dovrà vedersela con Marcella Mancini e Ivana Iozzia, campionessa italiana uscente.
Cenni storici.
Gli albori della Maratona S. Antonio risalgono al 1998, quando per la prima volta si è cominciato a pensare ad una 42,195 km per celebrare il Giubileo del 2000 a Padova, ripercorrendo il cammino compiuto da S. Antonio in punto di morte. La gara subito si è imposta nel panorama nazionale ed internazionale. L’esperienza maturata da Assindustria con i campioni dell’atletica mondiale su pista affiancata dal background di Vedelago, che dal 1988 ospitava una maratona, hanno creato il giusto mix in grado di offrire servizi di alto livello all’ultimo classificato come al primo dei top runners.
Il Record maschile risale al 2003 ed è stato siglato dall’etiope TRFE Dawit con il tempo di 2:10:38.
Quello femminile è della prima edizione per merito di Franca FIACCONI che chiuse in 2:30:20 nel 2000.
Un primo record sta per essere battuto: quello degli iscritti: oltre 4400 ai quali si aggiungono i 15 mila delle non competitive in programma!

fonte: Varie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *