AD AMBURGO ANCORA JULIO REY

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Quarta vittoria nella Maratona di Amburgo per lo spagnolo Julio Rey che ha siglato la migliore prestazione del tracciato con 2h 06' 52″ nonchè il suo nuovo limite personale. Per la gara femminile, la ventenne etiope Robe Tola ha vinto con il tempo di 2h 24' 35″.

Julio Rey ha fatto davvero una bella gara permettendosi di abbassare il suo personal best di 2h 07 27″ che risaliva al lontano 2003, anno in cui raggiunse un importante medaglia d'argento ai campionati mondiali. Le sue altre vittorie in questa gara di maratona risalgono al 2001 e al 2005. “C'era una grande atmosfera lungo il percorso e questo mi ha aiutato molto”, così il 34enne spagnolo al termine della corsa.

Gli ultimi chilometri, quelli prima del traguardo hanno fatto la differenza e hanno lasciato indietro il vincitore di Amsterdam 2004 Robert Cheboror accreditato di un notevole 2h 06' 23″. Per lui 2h 07' 37 e problemi di stomaco nel finale di gara; per la terza piazza si è presentato il keniano James Rotich che ha chiuso in 2h 09' 25″.

Da segnalare anche la presenza in gara del carabiniere Danilo Goffi che ha chiuso la gara in settima posizione con il tempo di 2h 11' 09″ nonostante i parziali notevolmente incoraggianti fatti registrare nella prima metà di gara.

Nella gara femminle quasi due minuti e mezzo hanno diviso la vincitrice Robe Tola dalla seconda arrivata: 2h 24' 35″ il tempo dell'etiope e 2h 27' 09″ quello della keniana Rose Cheruiyot. In terza posizione, a ridosso della seconda, la russa Irina Permitina in 2h 27' 09″. Brutte notizie invece per Edith Masai che dopo la vittoria della mezza maratona di Berlino tre settimane fa con un promettente risultato di 1h 07' 16″, era attesa tra le prime. La keniana è giunta settima con un opaco 2h 30' 01″. Se la ride invece la 36enne portoghese Fernanda Ribeiro che gli arriva davanti e chiude in sesta posizione con il tempo di 2h 29' 48″, sua miglior prestazione dal 2002 quando giunse decima nella maratona di Tokyo.

UOMINI
1 Rey, Julio (ESP) 2:06:52
2 Cheboror, Robert (KEN) 2:07:37
3 Rotich, James (KEN) 2:09:25
4 Kigen, Wilfred (KEN) 2:10:00
5 Kiprop, Fred Kiptum (KEN) 2:11:04
6 Martinez, Jose Manuel (ESP) 2:11:06
7 Goffi, Danilo (ITA) 2:11:09
8 Tesfaye, Dereje (ETH) 2:11:10

DONNE
1 Tola, Robe (ETH) 2:24:35
2 Cheruiyot, Rose (KEN) 2:27:09
3 Permitina, Irina (RUS) 2:27:35
4 Kimurya, Emily (KEN) 2:28:42
5 Chemweno, Elizabeth (KEN) 02:28:55
6 Ribeiro, Fernanda (POR) 2:29:48
7 Masai, Edith (KEN) 2:30:01
8 Semenova, Zinaida (RUS) 2:31:27

fonte: IAAF – Jörg Wenig e Chris Turner/ Foto: Sportec.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *