MIGLIORE PRESTAZIONE ITALIANA STAGIONALE SUI 1500 METRI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Meeting di Conegliano Veneto, Elisa Cusma, va al suo record personale sui 1500 metri piani stabilendo la migliore prestazione italiana stagionale in 4 minuti 09 secondi e 55 centesimi.

Questa volta Elisa Cusma non si lascia intimidire dalle avversarie, anche se queste sono d’origini etiopi, come la Emebet Bedana Eta’a, seconda con 4’10”48; La Cusma vince decisamente, battendo anche alcune delle migliori specialiste del mezzofondo italiano, come la sua compagna di squadra, Sara Palmas.

Nella lotta per le maglie azzurre, la Cusma dovrebbe, dopo questo risultato, partecipare al triangolare del 4 Giugno che si terrà a Firenze tra Cina Russia e Italia è sicuramente pone una pesante tara anche sulla Coppa Europa. Sotto osservazione dai commissari tecnici della nazionale, che proprio nel meeting volevano saggiare alcuni atleti in odore di maglia azzurra. Elisa Cusma, nonostante sia più avvezza alla gara del doppio giro di pista, d’accordo con il suo tecnico di sempre, Claudio Guizzardi sì è lanciata sulla distanza dei 1500 metri in una prova di forza per saggiare le sue potenzialità, ed Elisa ha eseguito il tutto abbattendo il suo precedente limite che era di 4’16”, di quasi sette secondi. Ho iniziato con il record italiano sulla 4×800 con le mie compagne di squadra Loredana Di Grazia, Alexia Oberstolz e Sara Palmas, ora voglio quella maglia per la Coppa Europa che si terrà a Praga tra il 17 e il 18 Giugno, queste le prime parole a caldo dopo il meeting di Conegliano Veneto.
La giovane atleta di Castelfranco Emilia ha sicuramente ritrovato gli stimoli giusti che la stanno spronando a volere di più e dopo le due esperienze dei mondiali, quelli all'aperto di Helsinki 2005, e indoor di Mosca 2006, sta acquisendo anche quell'esperienza giusta che la porta ad essere non solo un’atleta da record ma anche un'atleta che deve saper vincere quando è il momento giusto.

fonte: Claudio Guizzardi,Luigi Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *