GOLDEN SPIKE – OSTRAVA – PREVIEW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La 45° edizione del “chiodo d’oro”, nome originale, conta fra gli iscritti ben trenta vincitori di medaglie olimpiche e mondiali.
Il meeting inizia oggi, 29 maggio, con la gara di martello: tra gli uomini saranno in “gabbia” Murofushi e Tikhon, tra le donne la cubana Moreno.

L’atleta di casa Zelezny ha annunciato che il 2006 sarà la sua ultima stagione: festeggerà domani nell’unica tappa dell’est del tour IAAF, offrendo birra ai suoi tifosi. Con lui in pedana ci saranno anche Makarov e Nieland.

Nell’alto femminile in pole la Slesarenko, con la Vlasic e la Green alla seconda uscita stagionale.

Nell’asta femminile la sfida sarà tutta polacca tra la Rogowska e la Pyrek.

Sull’anello una delle gare clou saranno i 400hs: negli uomini l’uomo da battere sarà Jackson, mentre tra le donne il duello sarà tra la Demus e la Batten.

Nei 110hs si vedrà invece la battaglia tra l’americano Trammell ed il giamaicano Wignall; nei 100hs si attende invece la giamaicana Ennis-London.

Nelle siepi per la quarta volta consecutiva in questo meeting sarà in gara Kemboi: se ci saranno le condizioni adatte non è da escludere un attacco al record. Tra le donne la Inzikuru e la Janowska.

La gara dei 200 maschili è intitolata alla memoria di Istwan Gyulai, segretario generale IAAF con passato da velocista, recentemente scomparso: grande attesa per il giovane giamaicano Bolt che dovrà confrontarsi con Collins e Williams.

Sui 100 femminili la sfida sarà tra le americane Barber e Durst e la bahamense Ferguson.

Negli 800 maschili Bungei ha promesso che “andrà forte”: sarà aiutato da Kirwa e Milevics.

I 3000 maschili, in onore del leggendario eroe locale Zatopek, vedranno alla partenza Tariku Bekele, il giovane fratello d’arte, mentre in campo femminile la favorita è l’etiope Melkamu.

fonte: IAAF/foto IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *