MESERET DEFAR IN GRAN FORMA AD HENGELO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si sono svolti ieri come da programma i THALES FBK-Games, ad Hengelo in Olanda. La protagonista assoluta di questo meeting è stata l’etiope Meseret Defar, che nei 5.000 mt ha fatto segnare un ottimo 14:35.37, migliore prestazione mondiale dell’anno, a soli 6 secondi dal suo personale.

E bisogna dire che la sua gare non è cominciata proprio dal verso giusto, infatti le due lepri incaricate di tenere alta l’andatura fino ai 3 chilometri si sono fermate dopo soli 1.500mt, ma la campionessa etiope era in eccellente forma e ha continuato in solitaria a correre su quei ritmi. Il finale regolare l’ ha portata all’incredibile tempo di 14:35.37, ma l’atleta a fine gara si è dichiarata molto dispiaciuta perché, con l’aiuto di qualche “buona” lepre, avrebbe senz’altro potuto migliorare il suo personale.

Grande risultato anche nel salto in alto maschile in cui, tra molte delusioni, è uscito un grande Ton Svatoslav arrivato alla migliore prestazione mondiale dell’anno con un eccellente salto a 2.32 m, anche nuovo record della manifestazione. Il ceco ha infine provato i 2.34 m , ma non è riuscito nella difficile impresa. Il campione olimpico Stefan Holm, invece, si è dovuto accontentare di un terzo posto con un modesto 2.26 m , ma lo svedese è ancora in via di perfezionamento della condizione dopo le numerose sventure dell’anno scorso.

Le gare dei 100 m non sono state caratterizzate da grandi prestazioni, ma i nomi dei vincitori sono di tutto rispetto.
Tra le donne a spuntarla è stata l’americana Marion Jones, con il tempo di 11.16, con un dominio netto sulle avversarie Emma Ania e Angela Willilams. A fine gara la vincitrice si è detta soddisfatta di quanto fatto, dato che le condizioni climatiche non erano delle migliori.
Nella gara degli uomini, invece, due false partenze hanno condizionato in negativo le prestazioni tecniche di tutti gli atleti; infatti il vincitore Olusoji Fasuba ha fatto segnare, nonostante un vento favorevole di +1.4m/s, un tempo di 10.33, che non ha niente a che fare col 9.85 corso dal nigeriano una settimana fa a Doha. Nella stessa gara delusioni per Darren Campbell e Kim Collins, rispettivamente quinto e sesto.

I 10.000 m maschili hanno visto una gara inizialmente controllata dal keniano Moses Mosop su ritmi abbastanza elevati; ma sul finale la gara si è giocata allo sprint, con la vittoria dell’etiope Ibrahim Jeylan con il tempo di 27:15.90. Al secondo posto è riuscito ad arrivare un altro keniano, Micah Kogan, mentre Mosop si è dovuto accontentare dell’ultimo gradino del podio.

fonte: Iaaf – foto: sport.de

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *