RISULTATI MEETING LILLE METROPOLE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La dodicesima edizione del meeting di Villeneuve d’Ascq, disputatasi ieri 9 giugno, ha prodotto numerosi risultati degni di nota.
Su tutti la ribalta spetta alla tedesca Heidler, capace di migliorare per la terza volta consecutiva il record nazionale del lancio del martello fino a 75.38: un buon viatico per la Coppa Europa e per gli Europei dove dovrò vedersela con le forti russe; seconda la Montebrun ferma a 72.04 e terza Ester Balassini con 71.51.

Nel peso maschile il campione modiale indoor Hoffa conferma la sua leadership vincendo con 21.49 davanti a Nelson fermo a 21.19.

Sui 400 maschili, Kikaya, il più veloce dell’anno fra i partenti, si è imposto con 44”83 sul campione mondiale indoor Francique che ha fermato il tempo a 45”16.
Sui 1000 maschili facile vittoria per Baala.
I keniani hanno dominato i 3000 siepi con il record stagionale di 8’14”70 di Kemboi.
I 1500 femminili hanno invece visto la vittoria della francese Essaroth in 4’07”37 sulla favorita polacca Chojeka.

Nei 100hs femminili continua il dominio della giamaicana Foster-Hylton che si impone in 12”70; l’americana Lolo Jones ha invece preferito andare a vincere i 100 in 11”36, al fotofinish sulla campionessa dei giochi del Commonwealth Brooks.
La Gevaert si è imposta facilmente sui 200 in 22”84.

Lo sprint maschile non ha fornito grosse prestazioni ma gare emozionanti: sui 100 dopo una partenza non esaltante Fasuba si è comunque trovato in testa ma a trenta metri dal traguardo è stato raggiunto e superato di 1 millesimo da Pognon, vincitore in 10”22.
Sui 200 invece la partenza non felice è toccata a Pognon, secondo al traguardo in 20”56 dietro all’20”38 di Martin.

Lungo maschile vinto da Sdiri con 8.15, in forma dopo un infortunio nella stagione invenale; nell’alto maschile 2.30 per Rybakov e Giulio Ciotti.
Nell’asta femminile la francese Boslak si impone con 4.50, tentando in maniera convincente i 4.66 del record nazionale.

Sui 400hs gara combattuta tra Deon Griffiths e Kamel Thompson: vittoria di Griffiths in 48”81, per cinque centesimi.
Mancando la Lebedeva il triplo femminile è stato vinto dalla serba-montenegrina Martinovic con 14.33.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *