6 LUGLIO LUCERNA – MEETING EAA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La pioggia caduta fino a poche ore prima dell’inizio delle gare ha raffreddato l’aria ma non lo spirito dei velocisti USA.In particolar modo Wallace Spearmon, al suo esordio stagionale in Europa. Il campione americano in carica nonche’ primatista stagionale dei 200 m. si e’ imposto in 20”30, confermando i suoi programmi che rimangono di scendere a 19”70 sui duecento e a 44” sul giro di pista. Ricordiamo che Spearmon conduce la lista annuale con il 19”90 che ad Indianapolis gli e’ valso il titolo a stelle e strisce. Secondo posto per il giamaicano Ainsley Waugh (20”44) e terzo gradino del podio per il vincitore di Coppa Europa , il britannico Christian Malcolm (20”55).

Ancora un atleta USA primo al traguardo della gara breve. Il ventenne Xavier Carter, campione NCAA (il circuito sportivo USA riservato agli iscritti ai college), alla sua prima gara da “pro” ha fermato il cronometro a 10”11, sufficiente a tenere dietro di 4 centesimi il giamaicano Ainsley Waugh. Se son rose fioriranno ed il giardino della velocita’ statunitense e’ sempre fiorito…

Fermata nel 2003 due anni per doping, Damu Cherry si riaffaccia alla ribalta dopo che nei campionati USA ha stabilito in batteria e semifinale la terza miglior prestazione mondiale sui 100hs con 12”58 (ma i primi due tempi sono entrambi di quella Virginia Powell che l’ha battuta in finale).
Ieri ha vinto con un buon 12”62, tanto piu’ apprezzabile in considerazione delle condizioni non ideali di gara.

Si e’ fermata invece prima dell’arrivo la gara di Maria Mutola, che aveva annunciato l’intenzione di condurre un 1500 m da meno di 4’. Quest’anno la forte mozambicana e’ accreditata di un per lei modesto 1’58”77 in un 800m corso in marzo nell’estate australe di Melbourne e la perdita di smalto forse l’ha indotta a cercare gloria raddoppiando la distanza. Conoscendo caratura e determinazione del personaggio, siamo sicuri che sentiremo ancora parlare di lei nella classica distanza del mezzofondo veloce. Per la cronaca ha vinto l’ucraina Natlya Tobias in 4’06”07

Interessante concorso sulla pedana del triplo. L’argento mondiale Yoandri Betanzos alla fine l’ha spuntata con un balzo di 16.99m , 3 cm avanti al brasiliano Jadel Gregorio, terzo il cubano Alexis Copello (16.82). Lo svizzero Alexander Martinez , al rientro alle gare dopo una lunga inattivita’ per infortunio, con 16,60 ha centrato il minimo per gli Europei di Goteborg.

fonte: IAAF – Foto Getty

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *