TYSON GAY STUPISCE ANCORA: 9.88

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nelle gare veloci e nei salti il vento a favore è stato molto (a volte troppo) è così che nei 100 metri l’americano Tyson Gay corre in 9.88 con vento 2.0 demolendo il proprio primato personale di 10.04 fatto quest’anno. Un grande salto di qualità per lui che a Losanna aveva migliorato il suo primato sui 200 da 19.93 a 19.70.

Vento appena sopra il limite (2.2) per Torri Edwards, quindi la sua vittoria in 10.86 non è suo primato.

Negli ostacoli alti sono ancora gli americani a farla da padroni Michelle Perry in 12.49 (1.8) batte la connazionale Cherry 12.60, e nella gara maschile è Dominique Arnold a vincere in 13.01 (ventoso 2.2) davanti ad Aries Merritt.

Gara con protagoniste di alto livello nel lungo: i 7 metri sono stati sfiorati dalla russa Udmurtova che ha vinto la gara con 6.98, l’australiana Thompson seconda a pochi centimetri 6.95 e ancora poco dietro la Kotova piazza un 6.92 suo season best. La Lebedeva solo 6.85 ma fra triplo e lungo sta gareggiando molto e a volte ci dimentichiamo che anche lei è umana. La greca Devetzi si è infortunata ad un piede all’ultimo salto.

Il signore del Disco Virgilius Alekna è pronto per gli Europei e lo fa sapere scagliando il suo disco a 71.08 nuova miglior prestazione dell’anno.

Altro che Sunset Boulevard in alcune zone del mondo il tramonto può durare molto molto a lungo e Maria Mutola, dopo l’1:56.77 di Losanna, torna a vincere gli 800 ancora con un tempo per pochi 1:57.36 e conduce la brava Kenia Sinclair al primato nazionale giamaicano 1:57.88.

Bella gara dei 3000 uomini con la volata lunga di Bernard Lagat che riesce a tener testa a un pimpante Ben Limo, risultato finale è 7:34.41 per Lagat (vicinissimo al personale) e 7:34.97 per Limo.

Le gare dei 200 sono state molto ventose quindi i risultati cronometrici non sono importanti però c’è da sorprendersi un poco per la vittoria di Kelly Willie davanti a Usain Bolt (20.20 e 20.29 rispettivamente). Nella gara femminile Rachelle Boone Smith (22.50) vince senza problemi davanti alla Mothersill.

I 400 ostacoli donne hanno visto la vittoria di Tiffany Ross Williams con 54.72. Da notare Vania Stambolova solo sesta con 56.48.

fonte: www.eartf.gr/vardinoyiannia/en/0/ foto:IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *