CAMPIONATI MONDIALI JUNIOR: GIORNO 2

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si è aperto con l’inizio del decathlon maschile il secondo giorno dei Campionati Mondiali Junior di Pechino, che oggi ha previsto molte finali tra le gare disputate. Dopo le prime cinque fatiche dei decatleti la classifica vede al comando il cubano Yordanis García con un parziale di 4202 punti, poco distante dallo neozelandese Jordan Vandermade.

Nel lancio del giavellotto maschile va annotato l’ottimo lancio di 78.42 del sudafricano John Robert Oosthuizen, che si impone prepotentemente gia al primo lancio come favorito per la vittoria finale.
I 3000st maschili, invece, hanno visto l’eliminazione del nostro Alessandro Salsi con un buon 9:23.10 ed il predominio ampiamente pronosticato della squadra keniana nelle posizioni alte delle qualificazioni.
Buone notizie, invece, arrivano dal salto con l’asta donne, in cui Elena Scarpellini stacca il biglietto per la finale arrivando a quota 4.00m, mentre fuori di soli 5cm finisce l’altra azzurra Giulia Cargnelli, 3.90m per lei.
Gioie e dolori caratterizzano anche le qualificazioni dei 400hs maschili: le prime sono per Edoardo Guaschino, che passa il turno in 53.42, mentre sesto posto in batteria e addio alle speranze iridate per Leonardo Capotasti, che chiude in 54.02. Nella stessa gara il miglior tempo di qualificazione è dell’olandese Marius Kranendonk, che migliora il suo record personale con il suo 51.40.
La qualificazione nel lancio del martello di Lorenzo Rocchi con la misura di 70.59 chiude una mattinata sostanzialmente di attesa per le grandi emozioni.

Il pomeriggio è giunta l’ora delle finali, che si sono succedute incessantemente fino a tarda serata. La prima è stata quella del martello femminile, in cui ha avuto la meglio la rumena Bianca Perie, che con 67.38, oltre ad essersi aggiudicata il titolo iridato, ha anche stabilito il nuovo record dei Campionati. Al secondo posto, a più di due metri dalla vincitrice, è finita la russa Anna Bulgakova, mentre l’ultimo gradino del podio è stato per la cinese Shuai Hao.

Le finali più attese del giorno erano quelle dei 100m: tra le donne il successo è andato alla bulgara Tezdzhan Naimova con il tempo di 11.28, davanti all’americana Gabby Mayo e alla Jamaicana Carrie Russell. Per quanto riguarda gli uomini, invece, a sorpresa niente america nel podio, con il britannico Harry Aikines-Aryeetey, gia campione mondiale tra gli allievi l’anno scorso in Marocco, al primo posto con il mediocre crono di 10.37, davanti al canadese Justyn Warner e al jamaicano Yohan Blake.

Nella finale del lungo maschile non sono di certo mancate le emozioni, dovute ai continui stravolgimenti della classifica. Il cinese Xiaoyi Zhang si è trovato al primo salto al comando della gara e vi è rimasto fino alla penultima prova, consolidando il suo primato fino alla misura di 7.86. Ma sul finale prima l’australiano Robert Crowther si è impossessato del primo posto con uno splendido salto ad 8.00m, poi l’americano Anton Belt ha tolto al cinese anche l’argento raggiungendo quota 7.95.

Ma le misure di grande livello non sono mancate nemmeno nella finale del lancio del disco maschile, in cui l’estone Margus Hunt ha cancellato per due volte l’ex record mondiale di 66.35 per portarlo prima a 66.68 ed infine, all’ultimo lancio, a 67.32. Nella stessa gara al secondo posto è finito l’iraniano Mohammad Samimi, che con il suo 63.00 ha migliorato il suo record nazionale, mentre l’ultimo gradino del podio l’ha conquistato il tedesco Martin Wiering con 62.17.

L’ultima finale della giornata è stata quella dei 10.000 uomini, corsa su ritmi piuttosto sostenuti. L’attacco decisivo, però, è stato portato dall’etiope Ibrahim Jeilan Gashu solo a poche centinaia di metri dall’arrivo, permettendogli di battere allo sprint il keniano Joseph Ebuya, che si era sacrificato più di tutti durante la gara. Il tempo del vincitore è stato di 28:53.29, soli 17 centesimi meglio di quello del keniano, che ha migliorato così il suo personale. Al terzo posto l’atleta del bahrain Aadam Ismaeel Khamis con il suo 28:54.30 ha migliorato il suo record nazionale.

In allegato i risultati completi della giornata.

fonte: Iaaf

ALLEGATO: ANet_news_Risultati_seconda_giornata_16.8.2006.zip (17 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *