EUROPEI GÖTEBORG: BALDINI UNICO CAMPIONE OVER-35

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Domenica scorsa Stefano BALDINI ha confermato vincendo il titolo europeo della maratona, a 35 anni compiuti, di essere il più grande atleta dell’atletica italiana degli ultimi ventanni. Una vittoria che l’atleta reggiano ha centrato con un controllo della gara da manuale. La sua prestazione ha un valore ulteriore, in quanto è stato l’unico atleta ultra35enne a conquistare un titolo individuale a Göteborg.

Alcuni osservatori hanno sottolineato che nel complesso i finalisti di Göteborg sono stati mediamente più anziani di quelli delle edizioni precedenti. La maratona maschile è stata in particolare la gara più anziana in quanto ad età degli atleti classificati, con questo dettaglio nell’ordine d’arrivo:
1° Stefano BALDINI (Ita) (25/05/1971) 2°11’32”
2° Viktor RÖTHLIN (Sui) (14/10/1974) 2°11’50”
3° Julio REY (Esp) (13/01/1972) 2°12’37”
4° Luc KROTWAAR (Ned) (25/01/1968) 2°12’44”
5° Francesco INGARGIOLA (Ita) (15/02/1973) 2’13’04”
6° Dmitriy SEMYONOV (Rus) (05/07/1975) 2°13’09”
7° Janne HOLMEN (Fin) (26/09/1977) 2°13’10”
8° Alberto CHICA (Por) (17/09/1973) 2°13’14”
9° Kamiel MAASE (Ned) (20/10/1971) 2°13’46”
10° Luis JESUS (Por) 19/11/1968) 2°14’15”

In questa gara era presente Ayele SETEGNE, l’israeliano-eritreo che lo scorso anno figurava con le generalità di Ailèè SATAYN; celebrato come un fenomeno capace a 50 anni compiuti di correre la maratona ai Campionati Mondiali di Helsinki in 2°17’26”. Nella scheda d’iscrizione a questi Campionati Europei gl'è stata attribuita di nuovo come data di nascita dell’11 aprile 1955, quindi 51 anni compiuti. Però tra gli statistici pare ormai assodato che il vero anno di nascita di SETEGNE o SATAYN sarebbe il 1962 e non il 1955, che fa una bella differenza nella valutazione delle sue prestazioni in chiave master !!

Grande onore e merito va tributato alla 40enne Irina KHABAROVA (18/05/1966), già straordinaria medaglia di bronzo sui 100 metri, che ha vinto con il quartetto della Russia la staffetta 4×100 con 42”71. Le attenzioni di tutti erano per la divina Ottey, ma a Göteborg spetta alla russa il titolo per la miglior prestazione tecnica di un'atleta longeva agonisticamente.

Un podio molto master è stato quello della 50 km. di marcia maschile (altra specialità di grande fatica) in cui il 2° (con 3°42’48” a poco più di un minuto dal sorprendente vincitore il francese Diniz) è stato lo spagnolo Jesus Angel GARCIA nato il 17 ottobre del 1969; seguito al 3° posto dal russo Yuriy ANDRONOV nato il 6 novembre 1971. In questa gara è da segnalare anche il portoghese Jorge COSTA, che a 45 anni (20/03/1961) è terminato 19° con il tempo di 4°03’48”; e lo stesso che quest’anno ha stabilito la m.p.m. M45 della specialità in 3°59’27”.

Nel lancio del disco la tedesca 38enne Franka DIETSCH (22/01/1968) era da tutti pronosticata come favorita per la vittoria ed invece s’è dovuta accontentare della 2° piazza battuta su misure di profilo tecnico modesto per una finale (65,55 a 64,35) dalla giovane russa (nata 1985) Pishchalnikova. Forse ancor di più è stata l’occasione mancata per la bielorussa Ellina ZVEREVA (45anni, 16/11/1960) per diventare la più anziana campionessa europea; ed invece ha concluso al 6° posto con 61,72.

Ancora una medaglia di bronzo master nella maratona femminile per la russa 38enne Irina PERMITINA (03/02/1968), non lontana dalla vincitrice.

E’ mancato con l’appuntamento con la vittoria l’olandese 37enne Simom VROEMEN non presentatosi al via della finale dei 3.000 siepi dopo la vittoria in semifinale. Un incidente fisico gli ha fatto disertare la gara, vinta dal finnico Keskisalo nel modesto tempo di 8’24”89.

Nel lancio del disco il colosso 39enne Lars RIEDEL non è stato all’altezza del suo potenziale stagionale, che gli consentiva di ambire al podio dove si saliva con poco più di 66 metri: è finito solo 8° con 64,11; meglio di lui il connazionale tedesco 37enne Michael MÖLLENBECK 5° con 64,82. E comunque in quanto ad età il vincitore Virgilijus ALEKNA è nato nel 1972…

La cronologia di BALDINI nella maratona
1995 (24): 2°11’01”
1996 (25): nessun tempo
1997 (26): 2°07’57”
1998 (27): 2°09’33”
1999 (28): infortunio
2000 (29): 2°09’45”
2001 (30): 2°08’51”
2002 (31): 2°07’29”
2003 (32): 2°07’56”
2004 (33): 2°08’37”
2005 (34): 2°09’25”
2006 (35): 2°07’22”

Primati personali di BALDINI
1.500m: 3’45”7m
3.000m: 7’43”14 (1996)
5.000m: 13’23”43 (1996)
10.000m: 27’43”98 (1996)
Mezza: 1°00’50” (2000)
Maratona: 2°07’22” (2006)

BALDINI nelle grandi manifestazioni internazionali
1989: Europei Jun. – 9° 5.000m
1990: Mondiali Jun. – 6° 5.000m
1994: Europei – 20° 10.000m
1995: Eurocup – 1° 10.000m
1995: Mondiali – 10° 10.000m
1996: Olimpiadi – 18° sui 10.000m
1996: Mondiale Mezza 1°
1997: Mondiali – 9° 10.000m
1998: Europei – 1° maratona
2000: Olimpiadi – rit. maratona
2001: Mondiali – 3° maratona
2002: Europei – 4° 10.000m
2003: Mondiali – 3° maratona
2004: Olimpiadi – 1° maratona
2005: Mondiali – rit. maratona
2006: Europei – 1° maratona

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *