SOCIETA’ MASTER: VITTORIO ALFIERI ASTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Continua l'esplorazione delle società master che da tempo si distiguono in questo settore agonistico. Dopo la LIBERATLETICA è la volta della piemontese VITTORIO ALFIERI di Asti, presentata dalla nostra collaboratrice Francesca RAGNETTI. (Nella foto Mauro GRAZIANO)

Incontro Roberto Amerio al Campionato europeo master a Poznan, dove il quarantenne astigiano ha appena vinto una medaglia di bronzo (sui 400hs M40) ed una d’argento (con la 4×400 M35), e ne approfitto per farmi raccontare qualcosa della realtà e dei più recenti risultati della sua squadra, la Società Sportiva “VittorioAlfieri” di Asti.

Innanzitutto, ottimo biglietto da visita per questo gruppo, completo di sezione maschile e femminile, dalla categoria esordienti ad assoluti e master, è il piazzamento nella classifica nazionale per Società Master maschili: dopo la fase regionale disputata a giugno, la “Vittorio Alfieri” è prima, con 9390 punti, davanti all'Ambrosiana-Milano e alla Liberatletica-Roma.

Ricordiamo che in Piemonte il movimento atletico master ha grandi dimensioni e tradizioni. Ben 7 le società maschili e 3 le femminili a punteggio pieno nel Campionato Regionale 2006.
9 le società master attive nella provincia di Asti; e torinese è la società (GS.Borgaretto) vincitrice del titolo nazionale per club maschile di cross 2006, cosi’ come ancora in Piemonte (CUS Torino) è andato il titolo nazionale per club maschile di pista lo scorso anno.

La società che ha conquistato nel 2006 il titolo di Campione regionale di pista, davanti a tanta concorrenza, ha una storia lunghissima, di oltre 10 lustri, e porta il nome del celebre poeta e tragediografo astigiano. La “Vittorio Alfieri” nasce nella primavera del 1953, per iniziativa del prof. Luciano Fracchia. Tra i nomi del consiglio direttivo di allora leggiamo Angelo Vada (presidente), Gamba (segretario), Carlo Mosso (economo). Due giorni dopo la neo Società ottiene la sua prima vittoria sul campo di calcio dell'oratorio S. Giovanni, che a quei tempi era sede di competizioni di atletica, in mancanza d'altro. I diciottenni Carosio (6.42 nel salto in lungo) e Giorgio Platone, velocista, erano gli atleti più rappresentativi di una squadra di giovani studenti che a ottobre, sul campo di via Natta, conquistava tre titoli di campione provinciale (100, lungo e 4×100).

Oggi il Presidente Carlo Graziano coordina un gruppo variegato di più di 200 atleti, in cui i master (62 uomini e 20 donne) si dividono tra l’attività podistica su strada e la classica attività in pista. Responsabili dell’area podistica sono Elio Binelli, Paolo Musso e Giuseppe Nettini, mentre il responsabile del settore master, nonché allenatore per gli ostacoli del settore giovanile, è appunto Roberto Amerio.
Tutti i tesserati sono praticamente residenti nella provincia di Asti; in città la base per gli allenamenti è il campo comunale, sempre a disposizione, condiviso durante la mattina con le attività degli studenti, e completo di attrezzature specifiche ed una piccola sala pesi cosi’ da consentire la pratica di tutte le discipline atletiche.

La “Vittorio Alfieri” oggi è sostenuta da due sponsor (la “CassaRisparmio di Asti”, e la “Monferrina”) ed è stata presente con la squadra maschile alle finali Nazionali del CdS master nel 2003 (14^), nel 2005 (12^) , mentre a Formia nel 2004, pur essendo qualificata, ha dovuto disertare la finale a causa delle immancabili defezioni dell’ultimo momento.
La squadra maschile master è mediamente giovane, con gli atleti quasi tutti compresi tra le categorie di età M40 ed M55.
Quest’anno l’eccezionale piazzamento in classifica dopo la fase regionale ha sorpreso gli stessi responsabili della Società e fa ben sperare in un posto sul podio nella finalissima di Ostia ad ottobre.

Questi gli atleti che hanno contribuito alla conquista del titolo regionale di Club, nel week-end di gare a Chivasso (24-25 giugno)

Mauro Graziano, M40, 11.59 (828punti) sui 100m e 23.28 (926punti) sui 200m;
Roberto Amerio, M40, 53.59 (803 pt.) sui 400m e con Giorgio Viarengo, Marco Merlo, e Mauro Graziano 45.60 (807punti) sulla 4×100 ;
Bruno Borin, M65, 3’01.44 (533pt) sugli 800m;
Franco Cipolla, M55, 4’43.83 (849 pt) sui 1500 e 9’57.32 (966 pt) sui 3000;
Piercarlo Molinaris, M55, 1.57 (868pt.) al salto in alto;
Walter Fassio, M 50, 5.72 (883pt) al salto in lungo;
Guido Alfero, M55, 9.24 (654 pt) al getto del peso;

Antonio Iacocca, M45, 38.39 (699pt) al lancio del disco ;
Giorgio Fracchia, M55, 30.12 (574pt ) al lancio del giavellotto ;
Francesco Povero, Domenico Cerrato ,Paolo Musso, Bruno Borin, M55, 4’33.92 (530 punti) sulla 4×400.

Il Presidente Carlo Graziano ha una storia ricca di successi come giavellottista (record personale 65.30 nel 1978, quarto ai Campionati Italiani Universitari nel 1982; Campione italiano master nel Pentathlon lanci nel 1997 ), tuttavia … al CdS di Chivasso ha seguito la sua squadra dagli spalti !

Il discobolo Antonio Iacocca, oggi quarantacinquenne, è praticamente cresciuto nella “Alfieri”; il suo curriculum in 30 anni lo vede passare dai 30.98 sul disco nel 1976, ai 47.74 nel 1987 e sempre nello stesso anno la sua miglior misura nel giavellotto era 60.56; mentre già nel 1981, da ventenne, totalizzava 7200 punti nel decathlon, specialità in cui si era laureato Campione Italiano Juniores due anni prima ed aveva conquistato il bronzo al Campionato Assoluto nel 1979, 1980, 1981. I suoi record da master sono 43.18 sul disco, 13.49 sul peso, 51.74 al giavellotto.
Anche la sorella di Antonio, Caterina, si diletta ai lanci (disco e giavellotto) per la squadra femminile della “Vittorio Alfieri” .

Il saltatore Piercarlo Molinaris, schierato nel Campionato Regionale al salto in alto, è stato azzurro in Coppa Europa nel 1978 e Campione Italiano Juniores di salto in lungo (7.78 il suo personale). Da master ha vinto l’ultimo titolo italiano nel lungo nel 2004 (M50) ma poi, a causa di un infortunio, ha dovuto rinunciare alla sua specialità, dirottandosi sul salto in alto, specialità in cui, ai Campionati Italiani individuali di Misano, ha vinto la medaglia di bronzo.

In pedana al lungo, per il Campionato di società, è sceso dunque un altro atleta, ma una pedina non di secondo piano: Walter Fassio, saltatore dal 1972, arrivato ad un titolo regionale assoluto nel 1987, un personale di 6.92, mentre come master esordisce nel 1990 con le incoraggianti misure di 14.73 sul triplo e 6.80 nel lungo.

Per la Finale Nazionale di Ostia, la Vittorio Alfieri punta chiaramente sulle prestazioni sempre ottime degli uomini di punta:
Franco Cipolla, che copre le due gare di mezzofondo. Cipolla è stato Campione italiano master più volte su 5000 e 10000; la pista non lo appassiona cosi’ tanto quanto le gare su strada, ma per il Campionato di Società volentieri si lascia coinvolgere.
Antonio Iacocca, che fara’… tutto quello che un ex decathleta può fare!
Lo sprinter Mauro Graziano, che si è dimostrato quest’anno in forma splendida, correndo i 100m in 11”18 e, ai Campionati Italiani di Misano, i 200m in 22”85, un tempo prestigioso, che gli è valso il secondo posto sul podio M40.
Grandi attese alla Finale di Ostia si nutrono anche per il quartetto astigiano della staffetta 4×100, guidato proprio da Mauro Graziano; una staffetta capace di grandi cose nella fase regionale, dove ha dominato la serie davanti al quartetto M40 del CUS Torino (49’’60), ed ha segnato con 45’’60 il miglior tempo stagionale in Italia per la categoria M40.

Roberto Amerio dà il suo contributo ai Societari per i 400m e per le staffette, ma con gli ostacoli si trova molto più a suo agio, non per nulla quest’anno ha collezionato, oltre al freschissimo bronzo europeo sui 400Hs, il titolo di Campione italiano master dei 110hs, e vicecampione dei 400Hs, ed il bronzo sui 60Hs ai Campionati Italiani indoor di Ancona.
Il rammarico di Roberto, come portavoce di una società che vanta tradizione e risultati notevoli su ostacoli e prove multiple, è che nella formula attuale del Campionato di Società Master non sia inclusa nessuna prova per alcune delle specialità più tecniche, come ostacoli corti, triplo, asta, martello.
Ma questo è un discorso lungo, aggiungo io, che probabilmente tenendo conto delle realta’, spesso non floride, delle società master , sarebbe praticabile solo da un strettissima minoranza dei Club ammessi alla Finale Nazionale.

Per finire, ricordiamo che il 30 settembre da Asti partiranno alla volta di Ostia anche le ragazze della “Vittorio Alfieri”, qualificate (16^) alla finale Nazionale dove saranno presenti con la squadra guidata da Marina Valfrè (campionessa italiana 2006 indoor ed outdoor di salto in lungo F45), Stefania Giulivi e Francesca Juri.

[Link al sito internet della Vittorio Alfieri Asti]

Leggi gli articoli pubblicati su Atleticanet relativi alle altre società master:
SOCIETA' MASTER: L' ACSI PALATINO-CAMPIDOGLIO DI ROMA
SOCIETA' MASTER: G.S. TORTELLINI VOLTAN MARTELLAGO
SOCIETA' MASTER: AMBROSIANA MILANO
SOCIETA' MASTER: A.S. ATHLON-BASTIA
SOCIETA' MASTER: LIBERATLETICA ROMA

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *