SETTEMBRE 2006: L’ANTIPASTO DI RICCIONE (ITALIANI DI MISANO)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Vecchie conoscenze e grandi performance a Misano Adriatico, che ha ospitato i 1.280 atleti dei ventiseiesimi Campionati italiani master su pista. Un piccolo assaggio dell’onda lunga che la invaderà il prossimo anno, insieme a Riccione e San Giovanni in Marignano, in occasione della rassegna iridata over 35.
È probabilmente per effetto dell’approssimarsi di questo evento che sono tornati a scendere in campo protagonisti dell’atletica di vertice di uno, due o tre decenni fa, in una sorta di “Chi l’ha visto?” a lieto fine. In discreta forma sono apparsi, ad esempio, Marco Martino (ancora, alla stampa di queste note, primatista italiano assoluto di lancio del disco con 67,62 m) e Alexander Ebner (ottimo triplista della fine degli anni ’70).
Quasi per aiutare la località romagnola, e gli stessi “addetti ai lavori”, giudici e organizzatori, a respirare l’ormai imminente aria internazionale, la rassegna è stata aperta con la miglior prestazione
mondiale M75 di Luciano Acquarone (41’21”61) e quella europea
M80 di Sergio Agnoli (47’30”55) nei 10.000 m. I due fortissimi atleti hanno poi migliorato i primati italiani di categoria anche nei 1.500 e nei 5.000 m.
Incredibile e insolita la doppietta di cui si è reso autore Enrico Saraceni: lui, primatista mondiale M40 dei 400 m, si è cimentato nei 100 e 800 m. Dopo aver ceduto per 5 centesimi il titolo nella distanza più corta al campano Mario Longo (vincitore in 10”91), all’età di quarantadue anni ha esordito sul doppio giro di pista dove ha trovato a dargli battaglia il trentino Walter Foresti: finale al cardiopalma e stesso tempo per entrambi: 2’01”67. La vittoria è andata a Saraceni dopo
la lettura del fotofinish. Bella sfida anche nel disco, categoria M90, dove il poliedrico Giuseppe Ottaviani (classe 1916) ha avuto la meglio sul primatista mondiale Mario Riboni (classe 1913), l’atleta più anziano presente in gara: 20,36 contro 19,48.
Presenza record di 2.050 atleti/gara (fonte Fidal) dai 35 ai 93 anni impegnati in tutte le discipline dell’atletica leggera. In totale sono stati assegnati 350 titoli italiani e migliorati ben 24 primati italiani di categoria (da pag. 180 sono riportati tutti i risultati e il quadro statistico).

Nella foto Luciano Acquarone (di W.Corbelli)

[Clicca qui] per scaricare il pdf contenente il presente articolo nella veste grafica originale.

Scarica tutti i Risultati e le m.p.i. – formato pdf:
p.180-185 [clicca qui]
p.187 [clicca qui]
p.189 [clicca qui]

fonte: Fonte: Correre – settembre 2006 – Panorama – Articolo di R. Marchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *