GOLDEN LEAGUE: ROMA È PRIMA AL MONDO, A STOCCARDA L’ULTIMO ATTO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Per il secondo anno consecutivo è ancora il Golden Gala il migliore al mondo per qualità di risultati nel ranking IAAF. Intanto questo fine settimana tutti i protagonisti della stagione all’aperto saranno di scena a Stoccarda per la World Athletics Final.

Si ripete il successo dello scorso anno, una vittoria speciale, merito ancora una volta di chi ha saputo dar prova di enormi capacità organizzative, ottimizzando la riuscita di un evento che ogni anno fa la storia dell’atletica leggera mondiale.

Gigi D’Onofrio ed il suo staff per la seconda volta consecutiva hanno trasformato il Golden Gala in un festival di campioni e prestazioni, regalando a Roma il gradino più alto del podio nella speciale classifica riservata dalla IAAF ai meeting internazionali.
I rinomati palcoscenici di Losanna, Zurigo, Bruxelles, Parigi, Londra sono stati tutti messi in fila dalla kermesse romana, tutti al di sotto degli 86825 punti accumulati dagli atleti in pista allo Stadio Olimpico nella serata dello scorso 14 luglio. E’ vero che il Golden Gala negli anni ha sempre mantenuto una posizione elitaria nelle classifiche internazionali, ma l’exploit di queste ultime due stagioni assumono un significato particolare.

Un risultato che rappresenta il giusto premio per il gruppo di D’Onofrio, e che sottolinea come anche in Italia ci siano capacità e persone di comprovata esperienza per organizzare grandi eventi sportivi, nell’atletica in particolare. A riprova di ciò fa la sua figura anche il più piccolo meeting di Rieti, che quest’anno è salito addirittura al 7° posto, sorpassando eventi come quelli di Londra, Stoccolma, Berlino e Oslo. Speriamo che questi risultati possano far ricredere qualche nostro politico e non solo, sulla possibilità di ospitare nuovamente a Roma le importanti manifestazioni internazionali che da un bel po’ di tempo mancano, e che a Roma avevano scritto alcune delle pagine migliori, vedi Olimpiadi, Mondiali, Europei. Forse l’unica pecca da dover sistemare rimane quella della partecipazione del pubblico, ancora distante da ciò che per esempio si è visto quest’anno a Parigi.

Intanto, questo fine settimana tutti gli occhi sono puntati su ciò che avverrà nella pista di Stoccarda, per la manifestazione conclusiva di tutto il circuito IAAF. L’ultima tappa sarà anche l’occasione per assegnare i ricchi jackpot a chi ha dominato durante tutto il corso della stagione.

Particolarmente attesi saranno Asafa Powell, Jeremy Wariner, Sanya Richards, Irving Saladino, Kenenisa Bekele, Tirunesh Dibaba, con il velocista giamaicano in testa in quanto ad attenzioni e popolarità. Powell, autentico “schiacciasassi” per tutto il 2006, a Stoccarda potrebbe trovare le condizioni giuste per scendere sotto quel limite di 9”77, raggiunto già tre voltre in carriera.

Ma sarà anche l’occasione per rivedere la stragrande maggioranza dei protagonisti ai Campionati Europei di Goteborg.
Forse non mancherà neanche il fresco primatista del mondo dei 110 hs, Xiang Liu. Il cinese da quel 12”88 di Losanna è sparito dalla circolazione, e potrebbe riapparire proprio a Stoccarda.

Di sicuro sarà uno spettacolo di alto livello, così come vuole la tradizione del “gran finale” degli ultimi anni. La manifestazione sarà seguita in diretta dalle telecamere Rai nella due giorni di Sabato e Domenica.

fonte: IAAF- Fidal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *