8° MEETING INTERNAZIONALE DI BELLINZONA (DI N. PRAMPOLINI)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Mi avevano parlato bene di questo meeting, e molti amici, anche di quelli che non erano venuti in Polonia, si erano iscritti, per cui ho deciso di andare anche io. Franco Pizzi prenota l’albergo, vogliamo arrivare la sera prima per non stressarci a guidare per ore il giorno della gara. Mi metto d’accordo anche con Roberto Miglia: siamo tutti e due per lavoro a Milano il venerdì. Alle sei siamo già a Bellinzona. Tutti gli alberghi sono pieni, dormiamo al Movenpick in autostrada! E’ carino, l’autostrada in Svizzera non prevede caselli ed è facilmente raggiungibile. Ci raggiunge Franco e andiamo in città.

(Nella foto il podio di Marco Segatel – di N.Prampolini)

Bella sorpresa, Bellinzona è molto carina, con tre castelli ed un bel centro storico. Questo fine settimana c’è “Bacchica” la festa del vino. Tavoli e assaggi in centro musica nelle strade, animazione e ambiente socializzante. Veramente un’altra bella sorpresa. Cena all’aperto con prezzi speciali per la festa, polenta integrale con funghi, formaggi, brasato e Merlot a volontà. Parecchi degli amici, per i classici motivi dei master (lavoro, famiglia, infortuni, ecc.) non sono potuti venire, ma consiglio di riprovarci i prossimi anni.

Al mattino il tempo sembra brutto, nuvole basse e minacciose. Poi il vento pulisce e sarà una bellissima giornata. Quindi siamo in campo.
Il Meeting Internazionale Master Città di Bellinzona, valido anche come Campionato Svizzero Internazionale Veterani, è ormai diventato un appuntamento classico per numerosi master alla ripresa dopo la pausa d'agosto.

Il programma prevede quasi tutte le gare olimpiche in un giorno: erano pervenute più di 600 iscrizioni-gara. Organizzazione simpatica, oggetti ricordo per tutti i partecipanti, costo di iscrizione ragionevole, otto euro a gara e possibilità di partecipare a numero illimitato di gare. Ci risulta che Stachanov, look rinnovato con capello corto e senza barba, ne abbia fatte 9!!

La numerosità degli atleti ha portato un sorprendente (per la Svizzera) ritardo di quasi due ore sulle gare di corsa del pomeriggio, ma la cordialità dell’organizzazione, aperitivi alla buvette, premi per quasi tutti e il bel tempo hanno comunque permesso un’ottima manifestazione. L’ambiente era il solito divertente internazionale. Ci si presenta con gli altri concorrenti, si cerca di capire quale lingua parlano, ci si sente subito amici, ci diamo consigli l’uno all’altro, anche se tutti vogliamo vincere… Qui anche i giudici erano poliglotti, dialetto ticinese-lombardo tra di loro, e poi italiano, francese e tedesco. Per una volta l’inglese non era la lingua più usata… Il fatto di essere iscritti a più gare, con orari concomitanti, ci porterà a un continuo correre tra corsie e pedane, i giudici collaborano senza eccessiva fiscalità. Siamo in Svizzera italiana, un compromesso tra il rigore e la flessibilità.

La manifestazione comincia con prestazioni superbe sugli 80 hs: record del mondo W40 di Monica Pellegrinelli (11″23); Christine Mueller, con 11″58 arriva a 7 centesimi dal record W45; record italiano M75 infine per Enzo Azzoni con 15”31.

Noi ci dividiamo, io triplo e alto, Roberto gli 800, Franco alto e disco. Medaglie e premi: ai primi formaggi del Gottardo, ai secondi caffè, ai terzi miele di castagno. Io vinco il triplo (10,11) e l'alto (1,51) M55, portando a casa due formaggi… Franco vince il disco e terzo nel peso, Roberto arriva terzo.

Notata dai presenti l’assenza di alcune delle nostre atlete di punta iscritte: atleti di diversa nazionalità mi chiedevano notizie. In rigoroso ordine alfabetico, Lyana Calvesi, Carla Forcellini, Gigliola Giorgi, Rosa Marchi, Susanna Tellini. Ci siete mancate, vi aspettiamo per le prossime gare. Gli italiani comunque rappresentano la seconda nazione presente e ottengono anche qualche bel risultato.

Cito in ordine sparso gli amici visti in gara: Del Rio 400 e alto, Amerio e Onofri negli ostacoli, Poggioli nel triplo, Giacomantonio nella velocità, Manca nel giavellotto, Segatel sempre superbo a 1,95 nell’alto, Sobrero irridicibile. Tra le ragazze Mazzenga, De Grandis e Congiu nella velocità, Avataneo nei lanci.
Visto in giro in borghese Alessandro Cipriani. Lorenzo Locati, dopo aver inutilmente provato a gareggiare, cercava di consolarsi con le atlete intervenute…

Il giudizio complessivo sulla manifestazione è molto positivo.

Nani Prampolini (il grillo)

fonte: Nani Prampolini per Atleticanet

ALLEGATO: ANet_news_Tutti_i_risultati_del_Meeting_di_Bellinzona_11.9.2006.htm (307 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *