L’AFRICA CONQUISTA CHICAGO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Dominio incontrastato degli africani nella maratona di Chicago. Le cattive condizioni atmosferiche con il freddo a farla da padrone, non impediscono a Robert Cheruiyot e Berhane Adere di raggiungere grandi prestazioni e la vittoria da 125000 dollari.

E’ stata una lotta sino all’ultimo, su ritmi impressionanti, decisa dopo il 40° km sia in campo maschile che femminile. Da una parte il testa a testa fra chi alla vigilia era accreditato per la vittoria, Robert Cheruiyot, ed il keniano “nipponico” Daniel Njenga, dall’altra la sfida sul ritmo delle 2h20’ fra l’etiope Berhane Adere e la russa Galina Bogomolova.

Cheruiyot ha faticato più del dovuto per scrollarsi di dosso il connazionale, riuscendo solo nell’ultima parte di gara a far decadere i sogni di gloria dell’avverssario. Al traguardo Cheruiyot ha fermato il cronometro nell’eccellente tempo di 2h07’35, appena cinque secondi meglio dell’inseguitore Njenga. Un finale thrilling per il povero Cheruiyot che, scivolando all'indietro sul tappetino dello sponsor posto dinanzi all'arrivo, sbatteva violentemente il capo a terra senza muoversi per qualche secondo. In breve l'ambulanza e la corsa in ospedale. Alla fine nulla di grave e solo tanta paura, con il piccolo aprticolare di aver vinto la gara solo perchè durante la caduta il busto ha superato la linea del traguardo. Cose da non credere.

Terzo Jimmy Muindi in 2h07'51. Buono il quarto posto dell’atleta di casa Abdi Abdirhaman con 2h08’16, mentre Robert Cheboror l'altro favorito chiude al quinto posto in 2h09'25.

Bene anche la Adere, che grazie ad un allungo decisivo a circa un miglio dal termine, staccava la Bogomolova di quel tanto da garantirle la vittoria di un duello appassionante e positivo anche ai fini cronometrici: il 2h20’42 infatti, oltre a rappresentare il personale della Adere è anche il nuovo record etiope femminile sulla maratona. Per la Bogomolova un ritardo di 5” e comunque un secondo posto dai sostanziosi risvolti economici. Al terzo posto l’australiana Benita Johnson anche lei al record nazionale con 2h22’36, solo quinta la romena Tomescu-Dita, al passo delle migliori sino a metà gara.

fonte: IAAF – Foto:Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *