MARATONA CLASSICA DI ATENE – PREVIEW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Questa domenica, 5 novembre, si rinnoverà un appuntamento tra i più classici dell'atletica, la Maratona di Atene, che (molto) idealmente riprende il percorso che corse Fidippide per annunciare la vittoria sui Persiani. Quest'anno più di 4700 atleti prenderanno il via a questa gara, e tra di loro i vincitori dell'anno scorso, James Saina e Sisay Measo.

Nella gara maschile sono ancora una volta africani gli atleti favoriti.
James Saina l'anno scorso si era presentato alla partenza con un personale di 2:15:24, ottenuto a Napoli nel 2005; a 3km dall'arrivo ha lasciato tutti gli avversari alle spalle ed ha tagliato il traguardo nello stadio di marmo di Atene con il tempo di 2:16:05. Quest'anno l'atleta keniano ha un personale di 2:14:14, che ha realizzato nella maratona “Alessandro Magno” di Tessaloniki lo scorso 16 aprile.
Tuttavia c'è un altro nome tra gli iscritti che sembra abbia tutte le carte in regola per dar del filo da torcere a James Saina: si chiama anche lui Saina ma di nome fa Mark. Anche lui keniano, Mark Saina ha un personale di 2:09:00 che ha ottenuto a Torino nel 2000. Nel 2005 ha corso la maratona di Los Angeles solo 35 secondi più lento del suo miglior tempo, quindi è tutt'altro che arrugginito in questi anni.
Tra gli altri nomi che sararanno probabilimente tra i primi della lista di arrivo di questa maratona il vincitore della maratona di Milano nel 2003, John Birgen (2:09:08), il keniano Henry Tarus (2:10:10) vincitore delle maratone di Praga nel 2002 e di Madrid nel 2003, e gli etiopi Abebe Hailemariam (nono a Roma quest'anno con 2:14:28) e Habtamu Bekele (personale di 2:10:42).

Nella gara femminile la vincitrice dell'anno scorso Sisay Measo sarà ad Atene a difendere il titolo ottenuto con un tempo di 2:38:39. Il suo miglior tempo risale al 2003, quando ha corso la maratona di Venezia in 2:36:51. Quest'anno l'etiope ha già corso tre maratone, ad Hong Kong (secondo piazzamento), a Tessaloniki (nona) e a Torino questo settembre (quarta) con tempi tutti sul 2:40.
L'atleta accreditata del miglior tempo sarà la russa Lidiya Vasilevskaya che ha corso 2:29:24 ad Enschede nel 2002, vincendo la gara. La 33enne è anche forte delle vittorie ottenute a Karstadt nel 2004 (2:30:07) ed ad Ottawa nel 2005 (2:31:52).
Tra le più forti c'è anche un'altra russa, Tatyana Mironova, 37 anni, che ha corso 2:36:38 alla maratona di Nashville negli Stati Uniti nel 2005. Quest'anno si è aggiudicata di nuovo questa gara con il tempo di 2:36:51.
Ci sono altre due atlete che varrà la pena tenere d'occhio, l'etiope Letay Negash (personale di 2:38:31 quest'anno a Praga) e la sua connazionale Zinash Alemu, con un personale di 2:39:09 ed una vittoria sulle spalle l'anno scorso a Treviso.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *