TUTTI CONTRO GRAHAM

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Continua la campagna di isolamento nei confronti dell’allenatore Trevor Graham e dei suoi atleti. Ora il segnale arriva da Rajne Soderberg, presidente di Euromeetings, sodalizio che riunisce i più importanti meetings internazionali d’Europa. Il team di Graham potrebbe trovare le porte chiuse per la prossima stagione.

“Non possiamo avere alcun legame con Graham e con quello che ora rappresenta”, sono queste le parole di Soderberg relativamente alla volontà di allontanare Graham ed il suo gruppo di atleti dal circuito europeo, dopo essere stato indiziato per l’affare doping negli States.

Prima le accuse contro Victor Conte, patron della Balco, ed i suoi ex atleti Tim Montgomery e Marion Jones, mediante il famoso invio di una siringa contenente THG, avevano fatto di Trevor Graham un paladino nella lotta al doping; poi le squalifiche patite da gran parte dei suoi atleti, ultime in ordine di tempo quelle del primatista del mondo Justin Gatlin e di Latasha Jenkins (nella foto), hanno riportato tutti sulla terra, con Graham super indiziato di aver usato con facilità metodi e sostanze proibite.

L’ago della bilancia per Graham sembra ora pendere nettamente sulla sua colpevolezza, un vero crack economico e di immagine per uno degli allenatori più desiderati fino a qualche mese fa, quando Gatlin collezionava tempi e risultati di prestigio, e quando il suo gruppo era composto da molte frecce nere di primissimo piano.

Negli ultimi mesi invece le polemiche infuocate contro il guru di Rayleigh hanno costretto molti atleti a rivedere la durata delle collaborazioni con il coach. Di qualche settimana fa era stato l’abbandono di Shawn Crawford, uno degli atleti più rappresentativi del suo gruppo e sparring-partner in allenamento di Gatlin, in odore probabilmente del rischio di conseguenze nefaste per il proprio conto in banca, quale quella di essere allontanato dai grandi meeting europei.

La decisione potrebbe effettivamente maturare nelle prossime settimane e potrebbe significare la definitiva uscita del coach giamaicano dal mondo dell’atletica.

fonte: ESPN; Foto: Atleticanet/Simone Proietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *