REGOLAMENTO ATTIVITA’ MASTER 2007

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

E’ stato approvato in via definitiva ed è finalmente ufficiale il Regolamento per l’Attività FIDAL del 2007. Abbiamo letto con attenzione le parti che toccano l’attività master che vi illustriamo nelle note che seguono per le innovazioni rispetto al 2006.

Innanzitutto è utile ricordare che nel 2007, come già in quest’anno che si chiude, gli atleti tesserati nelle categorie master possono partecipare a tutta l’attività assoluta. Il Punto 6 delle Norme Generali infatti recita: “Gli atleti Masters possono partecipare, oltre che alle gare riservate alla propria categoria, anche all'Attività Assoluta Individuale e di Società (secondo le norme tecniche e regolamentari della categoria Seniores).” L’unica reale limitazione si ha solamente quando sono previsti tempi e misure minimi per aver diritto all’iscrizione, come nel caso dei Campionati Italiani Assoluti. Inoltre gli atleti master possono contribuire alla loro società se questa concorre al Campionato Assoluto di Società.

Le società affiliate solamente al settore Master non possono figurare nella classifica del Campionato Assoluto di Società. Se invece la società risulta affiliata per il 2007 con “Adesione All/Jun/Pro/Sen/Mas” , in questo caso potrà figurare nella classifica del CdS Assoluto anche schierando una formazione tutta composta da atleti master.

Gli atleti tesserati Seniores invece “possono partecipare ai Campionati Italiani Regionali e Provinciali Individuali Masters, nelle analoghe fasce d’età, ma non possono partecipare ai Campionati di Società Masters.” E’ bene sottolineare una volta di più che questi atleti non possono partecipare ai Campionati di Società Masters.

Le prime novità che si osservano per il 2007 sono quelle al programma-gare. Dal nuovo anno scompaiono le prove multiple dell’eptathlon maschile e del pentathlon femminile all’aperto, per far posto al decathlon maschile e all’eptathlon femminile. Si tratta finalmente di un adeguamento alle prove multiple in uso nelle manifestazioni internazionali. Altra novità è l’introduzione della staffetta di mezzofondo, la 4×1500 maschile e la 4×800 femminile, specialità in cui per la prima volta saranno assegnati anche i titoli nazionali in occasione dei Campionati Individuali Pentathlon dei Lanci e di Staffette Masters, in programma il 13-14 ottobre a Lecce. Da questa innovazione sono toccate anche le staffette 4×100 e 4×400, i cui titoli sono scorporati dal programma-gare dei Campionati Individuali.

In tema di staffette la Federazione ha adottato una modifica al criterio d’attribuzione della categoria al gruppo di atleti che compone la staffetta. Nel 2006 la categoria della staffetta era data dalla media dell’anno di nascita dei componenti. Ora invece il criterio diventa “la media d’età”. Questo criterio viene per altro ripreso sia nel caso della staffetta indoor 4x1Giro, sia per le staffette 4×100 e 4×400 che si corrono nei Campionati di Società.

Rispetto agli attrezzi in uso nei lanci e alle distanze e alle altezze nelle gare ad ostacoli tutto è confermato con una sola eccezione: l’attrezzo per il getto del peso delle categorie maschili a partire da quella MM80 che viene abbassato a 3 chilogrammi rispetto ai 4 kg. in uso da sempre. Anche in questo caso si tratta di un adeguamento, con il ritardo di un anno, alle disposizioni della World Master Athletics.

E’ veniamo ai Campionati di Società su Pista Masters. La novità sostanziale del 2007 è che nella Fase Regionale quest’anno è richiesta la copertura dell’intero programma-gare. Quindi le società per poter ambire alla qualificazione per la Finale Nazionale dovranno ottenere punteggi in 13 gare su 13 (e non 12 su 13 come nel 2006). Comunque anche nel 2007 “ i punteggi sono attribuiti utilizzando le tabelle FIDAL Masters 2004, realizzate sulla base delle Tabelle Italiane rapportate ai coefficienti WMA.”

ALCUNE CONSIDERAZIONI

Per i Campionati di Società Master ci si aspettava una maggiore, per così dire, elasticità di partecipazione. Già nel 2006 il sistema di classifica delle società era stato appesantito introducendo la seconda staffetta. Nel 2007 l’obbligo della copertura dell’intero programma-gare è presumibile che produrrà l'assenza di alcune società di notevole livello. Sono risapute le difficoltà di aggregare le squadre con inevitabili defezioni dell’ultima ora. Sarebbe stato più sensato percorrere il nuovo criterio (13 gare su 13) imitando quanto previsto dal 2006 per la Fase Preliminare del CdS Assoluto: un calendario di manifestazioni dove gli atleti possono anche in più occasioni tentare di acquisire un punteggio migliore. In questo modo si sarebbe sicuramente allargata la partecipazione dei master all’attività su pista. Un’occasione (malamente) mancata.

E veniamo al tormentone di sempre: le tabelle di punteggio!! Verrebbe da dire che anche gli orbi da tutte e due gli occhi hanno imparato a riconoscere le storture delle tabelle in uso dalla FIDAL nel Settore Masters. Da anni si chiede per lo meno di adottare integralmente quelle della W.M.A., che a loro volta sono aggiornate e affinate con frequenza ormai biennale. Costerebbe ben poca fatica. Sembra invece esista un pervicace attaccamento autarchico alle tabelle uscite dai pentoloni di casa nostra. Un responsabile di vertice della FIDAL lo scorso giugno a Misano aveva promesso con enfasi che per il 2007 avremmo avuto nuove tabelle… Per altro le tabelle utilizzate per le prove multiple sono dichiarate omologhe a quelle della W.M.A., ma da rapidi confronti finora sono risultate sempre delle discrepanze. Insomma, ragazzi, bisognerà avere ancora pazienza!

Una forte perplessità invece tocca il Campionato di Staffette. Sarà tutta da verificare la partecipazione in questa manifestazione distaccata dai Campionati Individuali. Il successo di partecipazione degli ultimi anni alle prove di staffetta era la conseguenza della presenza in massa degli atleti che innanzitutto partecipavano alle prove individuali. Nel 2007 i titoli delle staffette assegnati in una diversa manifestazione, a metà ottobre, in una sede molto decentrata, rischiano molto seriamente di trasformarsi in un avvilente flop.

Sul tema delle staffette poi esistono vari filoni di pensiero rispetto all’attribuzione della categoria master alle formazioni. Quest’anno sembra che timidamente si sia voluto rimediare in parte alle storture che sono state osservate nel 2006 con il criterio della media degli anni di nascita. L’esempio più classico è il 35enne ultimo frazionista della 4×400 dove la media degli anni assegna la categoria MM45. Il nuovo criterio sostanzialmente lascia aperto e immutato il problema. Ancora una volta non si capisce perché non si voglia adottare il criterio internazionale, per cui la categoria della staffetta è data dall’età del frazionista più giovane.

Sarebbe sempre interessante conoscere le paternità di queste scelte…

(In allegato è scaricabile il Regolamento Federale 2007 con le parti dedicate ai masters)

fonte: F.I.D.A.L.

ALLEGATO: ANet_news_Regolamneto_2007_27.12.2006.doc (324 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *