PARTITA ALLA GRANDE ANCHE LA STAGIONE INDOOR IN TOSCANA – ANDREA LEMMI (ALTO)IL MIGLIORE!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Dopo l'esordio avvenuto sabato e domenica scorsi (13 e 14 gennaio) con una estemporanea gara di prove multiple (indoor e open), richiesta dal settore tecnico nazionale, che ha visto l'affermazione nella categoria assoluti di Franco Casiean dei Carabinieri con 5.100 punti nell'eptathlon su Cristian Gasparro delle Fiamme Azzurre (4.999) e di Francesca Doveri (Esercito) nel pentathlon (3.879 punti), il fine settimana appena trascorso ha visto prendere il via la stagione agonistica indoor dell'atletica toscana.
Una partecipazione numerosa e qualificata ha impegnato fra sabato e domenica l'impianto indoor dello Stadio Ridolfi. In attesa di trasferirsi sulla tradizionale sede del Nelson Mandela Forum, gli atleti si sono dati battaglia, contribuendo alL'affermazione di una manifestazione, denominata “Caccia al Minimo”, destinata anche quest'anno a sicuro successo.
Nella giornata di sabato 20 il miglior risultato tecnico è stato senza dubbio quello fatto segnare dalla “rientrante” Erica Marchetti della Toscana Atl. Empoli che nella finale dei 60 piani ha regolato la compagna di squadra con il tempo di 7.48, ad un solo centesimo dal 7.47 ottenuto l'anno scorso a Ancona che le era valso il secondo posto nella graduatoria stagionale dietro a Daniela Graglia (7.41).
Dopo la Pollastri, seconda con il tempo di 7.83, si è classificata Michelle Girardi dell'Atletica Livorno ad un solo centesimo.
Ben 11 batterie hanno caratterizzato la gara dei 60 piani maschili. Si è imposto in finale Fabio Micheletti,adesso in maglia Riccardi di Milano, con il tempo di 7.06 davanti a Manura Kuranage Pereira, nazionale dello Sri Lanka che gareggia per la Atl.Virtus Lucca (7.08). Buona in questa prova di velocità, la prestazione del decathleta William Frullani che si è aggiudicata in 7.22 la finale dal 7° al 12° posto.
Il pomeriggio di domenica ci ha riservato i risultati più sorprendenti.
In assoluto mettiamo il m. 2.20 con il quale un “ritrovato” Andrea Lemmi si è aggiudicato la gara di salto in alto.
Lemmi, nato a Livorno il 12.5.1984, allenato da Vittoriano Drovandi ed ora tesserato per le Fiamme Gialle, era rientrato alle gare nel 2005 dopo un serio intervento al ginocchio che gli aveva fatto perdere la stagione 2004. L'anno scorso non era andato oltre i m.2.11, lontani dal primato di m. 2.25 che risaliva alla stagione 2003, quando era diciannovenne.
Andrea è entrato in gara a m. 1.91 che ha saltato alla prima. Sempre al primo tentativo ha saltato i 2 metri e i successivi 2.05. Due le prove a m. 2.10, ma una sola a m. 2.15. Infine il salto vittorioso a m. 2.20 ottenuti al terzo tentativo.
Di buon auspicio il 5.30 con il quale il “carabiniere” Giorgio Piantella, si è aggiudicata la prova di salto con l'asta (falliti i successivi tre tentativi a m. 5.45).
Michele Boni dell'Aeronautica Militare ha sfiorato nel triplo i 16.00 raggiunti lo scorso anno, saltanto m. 15.93 al quinto tentativo e ripetendosi a m. 15.84 nell'ultimo salto.

fonte: Redazione FidalToscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *