STAGIONE INDOOR 2007 INTERNAZIONALE (16-21 GENNAIO)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

E' stata una settimana molto intensa questa appena trascorsa, ricca di appuntamenti in giro per il mondo. Andiamo a vedere quali sono stati i risultati più rilevanti nelle varie competizioni.
Venerdì scorso, a Nordhausen, in Germania, si è svolto un incontro internazionale di lancio del peso. In campo maschile il ventinovenne americano Reese Hoffa, campione del mondo indoor in carica, ha vinto la gara con uno stupendo 21.31m al quarto tentativo, mostrando così a tutti di essere in gran forma anche quest'anno. La gara femminile è stata vinta dalla tedesca Petra Lammert, medaglia di bronzo agli Europei di Goteborg l'anno scorso, con la misura di 18.31m.
Nello stesso giorno a Reno, in Nevada, ad un meeting nazionale di salto con l'asta Jenn Stuczynski ha firmato il suo nuovo personale a 4.70m, vincendo così la gara. Dopo questa misura l'americana ha anche tentato quota 4.82m, attuale record nazionale, ma alla fine ha dovuto desistere. Tra gli uomini la vittoria è andata al veterano Jeff Hartwig, 39 anni per lui, che ha raggiunto la misura di 5.70m ed è stato assistito dalla fortuna quando al suo avversario Brad Walker, che stava provando i 5.80m, è caduta l'asticella di un niente. Comunque resta una meritata vittoria per Hartwig, che ha disputato questo meeting per la prima volta addirittura nel 1994.

La giornata di sabato, invece, ha visto sfidarsi gli atleti del salto in alto nell'incontro internazionale di Hustopece, in Repubblica Ceca. In campo maschile, il russo Andrey Tereshin, medaglia d'argento agli scorsi Mondiali Indoor, è arrivato a quota 2.33m, migliore prestazione mondiale dell'anno, saltati al terzo tentativo come era accaduto per la misura precedente di 2.30m. L'unico avversario che ha fatto rimanere aperta la lotta per la vittoria è stato lo slovacco Peter Horák, che però, dopo aver saltato 2.27m, si è dovuto arrendere ai 2.30m per lui proibitivi. Tra le donne la vittoria è andata alla croata Blanka Vlasic sulla bulgara Venelina Veneva, medaglia d'argento ai campionati europei, entrambe con la misura di 1.96m. La Veneva, infatti, ha pagato i numerosi errori commessi nelle prove precedenti, al contrario della Vlasic, che aveva saltato solo 1.80m, 1.87m, 1.92m, compiendo in tutto soli 2 errori: davvero bella prova di sicurezza e di concentrazione per la croata, che ha rischiato fino all'ultimo di saltare anche i 2.00m.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *