STAGIONE INDOOR 2007 INTERNAZIONALE (22-28 GENNAIO)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Una stellare gara dell’alto illumina il Russian Winter: il ventenne Ukhov salta 2.39 stabilendo il nuovo primato russo indoor. La gara, di altissimo livello, è decollata quando Rybakov è passato in testa saltando 2.35 al primo tentativo e Ukhov , che aveva fallito il primo tentativo, ha rilanciato a 2.37 e con un salto impeccabile l’ha saltato al primo tentativo. Rybakov non riesce a superare 2.37 e a nulla gli vale tentare l’azzardo a 2.39. Invece Ukhov veramente in uno stato di grazia lo supera al primo tentativo. Meritano una citazione anche gli atleti di questa gara: al terzo posto Tereshin con 2.35, quarto il campione europeo Silnov 2.31 e quinto l’americano Tora Harris 2.31.
Durante la settimana Tomas Janku ha saltato 2.32 ad Ostrava ed ha anche vinto il Moravian High Jump Tour, mentre l’ucraino Sokolovsky in Germania ha saltato 2.35; Holm e Thornblad entrambi 2.30.

“Sarà un bello spettacolo”. Così Tia Hellebaut ha convinto alcune delle più grandi saltatrici a venire a Bruxelles all’ High Jump Gala sabato 27 e l’alto è stato grande anche al femminile. Sostenuta dal pubblico all’ultimo tentativo disponibile ha saltato un perfetto 2 metri battendo così Blanca Vlasic e Venelina Veneva entrambe a 1.98.
Nonostante questo grande risultato nell’alto la Hellebaut agli europei di Birmingham gareggerà solo nel pentatlon. “L’allenamento invernale è dedicato al Pentathlon. Nel profondo del mio cuore la mia passione sono le prove multiple”.

I russi vincono al Russian Winter
Sui 60 ostacoli il russo Borisov conferma l’ottima forma con 7.58 batte il lettone Olijars che giunge secondo in 7.62.
I 60 piani femminili vedevano alla partenza la 46enne Merlene Ottey che però non è riuscita ad andare in finale 7.54 WR (master 45+). La vittoria è andata alla giovane russa Polyakova 7.18, seconda la Kislova 7.20, buon risultato anche per Larisa Kruglova che ha vinto la propria batteria in 7.19. La Russia ancora vincente con Mikhail Egorychev 6.60 sui 60 piani.
Da segnalare la russa Oksana Zbrozhek che nei 1000 metri ha messo in fila le sue connazionali e Tetyana Petlyuk correndo in 2:32.21. Ancora a Mosca giovedì (25) aveva corso gli 800 in 1:59.11.

Asta – Igor Pavlov nelle gare indoor dà il meglio di sé con 5.80 ancora una volta è vittorioso. Alle sue spalle Yurchenko e Chistiakov. Quest’ultimo che vorrebbe ritornare a gareggiare per la Russia è reduce da un buon 5.75 saltato ancora a Mosca ma nel meeting di mercoledì 24.
Nell’asta femminile in attesa del debutto di sua maestà Yelena Isimbayeva un’altra russa Yuliya Golubchikova si affianca alle world leader Hingst e Stuczynski saltando 4.70 giovedì (24) a Mosca. Mentre Naroa Agirre centimetro dopo centimetro sale sempre più in alto e con il 4.55 saltato domenica (28) a Valladolid sigla il suo terzo record spagnolo in pochi giorni.

Lungo e triplo – La Lebedeva anche se con dei dolori alla gamba sinistra vince agevolmente la sua gara con un primo salto a 6.82 miglior misura della stagione. “Sono pronta ad andare agli europei indoor a Birmingham, non farò il triplo ma il lungo”. Al secondo posto si piazza l’ucraina Rybalko 6.74 e terza la Kolchanova 6.69, molto indietro Irina Simagina al rientro dopo la maternità.
In campo maschile in Ucraina Vasyliev vince con 8.06, secondo Lukashevich con 8.04. Salim Sdiri in Florida salta 8.01 e il romeno Danut Simon 8.00 a Bucarest.
Nel triplo Sergeyev vince con 17.12 a Mosca.
Adelina Gavrila a Bucarest (sabato 27) salta 14.27.

Peso- Resiste come miglior misura dell’anno il 19.01 di Assunta Legnante: la russa Khudorozhkina ha vinto con 18.91 e Anna Omarova 18.69.

fonte: IAAF /foto IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *