STAGIONE INDOOR 2007 – ITALIA (22-28 GENNAIO)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Primo appuntamento con i titoli italiani indoor. Le prove multiple di Ancona hanno visto laurearsi campione italiano il portacolori dell'aereonautica Luca Ceglie che ha avuto la meglio sul carabiniere William Frullani. Ceglie ha chiuso le sette prove dell'epthatlon a 5.711 punti lasciando Frullani a 5.486 ed il suo compagno di squadra Marzio Viti (bronzo) a 5.263 punti. Fiamme Azzurre sul podio del pentathlon femminile invece. La giovane Cecilia Ricali si è presa il disturbo di andare a personale e siglare la sesta prestazione italiana di sempre (4.149 punti) per vincere l'oro davanti a Francesca Doveri dell'esercito e alla “civile” Sara Tani della Toscana Atletica Empoli. Da rilevare la bella prova della Ricali negli 800 con un tempo di tutto rispetto: 2'16″98.

Ma Ancona ha anche ospitato nella mattinata di oggi il “Gran Prix della velocità”, una riunione indoor interamente dedicata allo sprint. I 60 si sono corsi in due manches. Nella prima subito in luce nei 60 uomini il trio Verdecchia, Donati e Tomasicchio. Il marchigiano Verdecchia, forte del terreno casalingo, sbaraglia il campo e vince con un buon 6″71 contro i 6″76 di Donati e il 6″80 di Giovanni Tomasicchio (Atl. Acquaviva). Nella prima serie, con i più forti segnaliamo anche Alessandro Attene che ha corso il miglior 60 in 7″06. Stesso ordine ma tempi più importanti per la seconda manche. Verdecchia corre molto forte, in 6″68 e vince di un solo centesimo davanti a Donati (6″69) con Tomasicchio che chiude in 6″75.
Nei 60 donne Maria Aurora Salvagno mette il petto davanti a tutte e chiude la prima manche in 7″49 e la seconda in 7″43. Dietro di lei in entrambe le manches, Chiara Gervasi e la juniores Francesca Ramini.

In programma anche i 400 uomini e donne dove i fratelli Reina hanno monopolizzato il podio. Negli uomini Filippo Reina vince in 49″10 mentre la sorella Daniela chiude in un 53″27 molto convincente in prospettiva degli europei di Birmingham e della gara indoor di Tampere della prossima settimana con la rappresentativa azzurra.

Anche a Modena risultati di tutto rispetto. Ieri, sabato, la catanese Anita Sebastian Pistone ha corso i 60 in 7”34 ad un soffio dal minimo per gli europei di Birmingham e Fabio Cerutti ha avuto la meglio su tutti vincendo la finale dei 60 uomini con il tempo di 6”67 davanti a Checcucci e Riparelli che hanno chiuso rispettivamente in 6”78 e 6”79. Da rilevare l'imponenete numero di partecipanti alla gara veloce che ha generato qualche cosa come 18 batterie di 60 uomini e 9 per le donne; un bel da fare per il GGG. Buoni risultati anche tra le barriere alte dove il marchigiano portacolori dell'aereonautica Giorgio Berdini ha vinto i 60hs col tempo di 7”86. Ancora una marchigiana che corre nel lazio per la vittoria dei 60hs donna. Marta Tomassetti in forza al C.S. Esercito ha vinto in 8”53 davanti a Greta Martani.
Nell'alto uomini buona la misura per i primi tre atleti Macor, Goldoni e Segatel tutti al traguardo dei 2 metri. Menzione particolare per Marco Segatel dell'Olimpia Amatori Rimini che ha saltato la misura di 2 metri con 44 primavere sulle spalle, qualcosa come il doppio rispetto alle 22 del vincitore della gara Marco Macor.
Nell'asta, orfana dell' “australiano” Gibilisco, buon livello grazie a Rubbiani e Piantella che hanno saltato tutti e due la misura di 5.40 mentre nella corrispondente gara femminile Pamela Azzolini del Cus Parma ha saltato un discreto 3.90 giungendo davanti a Giorgia Benecchi (3.70) e Gloria Gazzotti (3.60). Per i salti in estensione in evidenza nel triplo femminile la fiamma azzurra Francesca Carlotto che ha balzato fino a 13.01 metri, per Alessio Guarini (SEF Virtus Emilsider Bo) nel lungo che ha vinto con la misura di 7.15 e per Tania Vincenzino (lungo donne) che ha vinto con un salto a 6.05.

Si è corso anche a Firenze, Aosta, Torino, Padova per i cui report e/o risultati rimandiamo al modulo regioni di Atleticanet.

fonte: Fidal Marche – Redazione / Foto: Atleticanet-Silvia Lovati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *