VOGLIO IL RECORD INDOOR DEGLI 800

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Elisa Cusma, al suo debutto nel 2007 sia in pista, che con la maglia dell’Italia, nel meeting finlandese di Tampere vince con facilità estrema, stabilendo sugli 800 metri un 2.02.08 e correndo, in pratica, senza che le avversarie potessero mai impensierirla, anzi ha dovuto quasi frenarsi pensando solo a vincere per i colori dell’Italia. Ho faticato a trattenermi dall’andare piano, ci ha commentato Elisa Cusma, sono passata intorno ai 59 secondi ai primi 400 metri per poi lanciarmi sul traguardo con un mio classico sprint finale, sto molto bene ed ho solo voglia di gareggiare. Il suo tecnico Claudio Guizzardi ci preannuncia che Cusma si sta preparando per un meeting Iaaf che si terrà a Valencia in Spagna il prossimo 10 febbraio.
Cosa vi ponete di fare in Spagna? L’obbiettivo è di quelli storici, abbattere il record italiano sugli 800 metri al coperto stabilito nel lontano 1982 a Parigi da Gabriella Dorio di 2’00”85.
Al momento com’è la condizione d’Elisa? In Sudafrica ha fatto delle cose eccezionali è molto carica credo che quest’anno ci possa portare ad un’altra stagione di nuovi record il primo da abbattere naturalmente e quello indoor sugli 800, poi vedremo cosa ci porterà la stagione all’aperto.
I mondiali all’aperto d’Osaka che si terranno ad Agosto iniziano ad avvicinarsi, pensi che saranno un’altra di quelle esperienze per entrare nella storia per Elisa? I mondiali sono ancora lontani per noi e preferisco non commentarli, noi guardiamo alle scadenze a breve termine come appunto il meeting di Valencia della prossima settimana, per il momento di sicuro abbiamo in tasca il biglietto per gli europei di Birmingham, Elisa ha infatti stabilito alla sua prima gara il minimo per gli europei indoor che si terranno in Inghilterra a Birmingham in Marzo.

Filippo Campioli nato tra le fila della Fratellanza 1874, ora in forza al gruppo sportivo dell’Esercito, da sempre allenato dal suo tecnico Giuliano Corradi, è andato a superare la misura di 2 metri e 27 nel salto in alto, vincendo la gara è stabilendo il suo nuovo record sia indoor che outdoor, al momento migliore prestazione stagionale italiana.
Alla sua prima maglia azzurra per la nazionale italiana da assoluto, Campioli, conquista il pass per gli europei di Birmingham che si terranno ai primi di Marzo, tutto questo a pochi giorni dal suo precedente record stabilito nel meeting francese di Hirson con 2.26.
La federazione italiana ha preferito fare una scelta meritocratica, scegliendo nel primo meeting della stagione in cui era impegnata la nazionale, Campioli, invece che grandi nomi del salto in alto come i gemelli Ciotti o altri, premiando l’unico atleta che al momento vola su quote internazionali.

Giuliano Corradi ci ha commentato la prestazione del suo atleta.
Quello che c’interessava ed interessa ancora è continuare a migliorarci, Filippo ha raggiunto uno stato di forma ed una condizione sia fisica e sia interiore come non mai.
Filippo ha iniziato subito superando quote alte dai primi accenni di stagione, fin dove potrà arrivare? Per il momento abbiamo dimostrato che il 2 metri e 26 che Filippo aveva stabilito in Francia a Hirson, dove ricordiamo aveva vinto la gara, non era stato solo un caso, l’importante in questa specialità è dimostrare una certa continuità in modo che si sappia che su di lui si può sempre contare.
Una domanda al volo anche per Campioli. Pensi che l'esperienza di Birmingham potrà impensierirti? Non credo perché quando un atleta raggiunge un certo equilibrio difficilmente poi lo perde, sono molto fiducioso nelle mie possibilità.

Foto Luigi Esposito (Gino)

fonte: Luigi Esposito Gino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *