ASTA: RICOMINCIA IL DUELLO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La gara dell’asta femminile ha indubbiamente focalizzato l’attenzione degli spettatori del classico meeting indoor tenutosi il mercoledì 14 scorso a Bydgoszcz, in Polonia.
Dopo aver battuto il suo record del mondo indoor lo scorso 11 febbraio al “Pole Vault Stars” meeting in Donetsk (Ucraina), portandolo a 4.93, Yelena Isimbayeva si è aggiudicata il concorso dell’asta, fallendo le tre prove ai 4.94. Alla bella atleta russa sono bastati tre salti: alla misura di entrata (4.61), un errore ai 4.74 e quindi i 4.84 che le hanno dato la vittoria superati alla prima prova.
La notizia è che anche Svetlana Feofanova si è rifatta sotto. Dopo due stagioni non brillanti, la Feofanova ha sfoggiato in gara la grinta dei bei tempi e soprattutto una rincorsa molto dinamica. Secondo posto per lei alla misura di 4.74, sua miglior prestazione dai tempi dell’Olimpiade di Atene. Non ha gareggiato invece Monica Pyrek. La polacca è reduce da un intervento chirurgico al piede destro lo scorso ottobre e sta appena cominciando a riprendere confidenza con le pedane.

Bella e combattuta la gara dell’alto maschile, con lo svedese Linus Thörnblad ed il campione europeo l’ucraino Yuriy Krymarenko entrambi oltre i 2.34 m. Vince lo svedese che supera la quota al primo tentativo, mentre ne deve usare tre Krymarenko. Poi per entrambi la resa a 2.36

fonte: IAAF – Foto BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *