CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI INDOOR 2007 PRIMA GIORNATA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nel salto in lungo un imprendibile Andrew Howe, fa capire subito che non né ha per nessuno, vince con la misura di 8 metri e 15 firmando il suo titolo con la seguente progressione 1°: 7.83 2°: 8.08 3°: 8.00 4°: 8.15 5°: 7.95 6°: 8.15, dietro di lui Fabrizio Donato che alla quinta prova riesce a superare gli 8 metri e 02.

Howe nonostante non abbia preparato la gara, e nell’ultimo salto, a ridosso dalla battuta abbia tagliato il passo mangiandosi una ventina di centimetri, non sa ancora se prenderà parte agli europei di Birmingham, anzi afferma che continua a sognare la velocità affermando” mi manca tanto lo sparo dello start”, di sicuro quest’estate tornerà protagonista anche nella velocità, di certo al momento se mancherà agli europei di Birmingham la formazione italiana ne potrebbe soffrire non poco.

Dai 5 km di marcia maschile arriva il record italiano siglato da Ivano Brugnetti, che in solitaria va ad abbattere il record italiano di oltre dieci secondi con il tempo di 18’08”86. Il precedente apparteneva a Giovanni De Benedictis, che per i colori dei Carabinieri Bologna lo stabilì a Genova nel 1992, coprendo la distanza in 18'19`97. Al secondo posto sì classifica l’atleta delle Fiamme Oro Padova, Alessandro Gandellini con 19:22.62.

Nel salto in alto l’atleta campana, Antonietta di Martino, si accontenta di vincere con la quota di 1 e 95, confidandosi in un’intervista, dove afferma di essere un po’ stanca per i diversi viaggi che ha dovuto affrontare in queste settimane di gare ed agogna ad un meritato riposo.
I 400 metri maschili si risolvono nella lotta allo sprint finale tra i due atleti delle Fiamme Gialle Andrea Barberi e Claudio Licciardello, la gara si risolve a favore di Barberi che negli ultimi metri riesce ad sgusciare davanti a Licciardello facendo fermare il cronometro a 46.78.

Nel lancio del peso femminile la campana Assunta Legnante per i colori della Camelot, non delude le aspettative conquistando l’ennesimo titolo scagliando l’attrezzo a 18 metri e 65, dietro di lei l’atleta delle Fiamme Azzurre Rosa Chiara con la misura di 18 metri e 28.
Nel salto con l’asta, i campionati continuano a sentirsi orfani di Giuseppe Gibilisco, che stavolta annuncia di avere una ciste che gli impedisce di saltare. I suoi pretendenti al trono Matteo Rubbiani e Giorgio Piantella continuano a sfidarsi alternandosi nei vari podi, lo scorso anno il titolo andò a Matteo Rubbiani il modenese portacolori dell’Aeronautica militare, l’anno prima il titolo andò a Piantella per i colori dei Carabinieri Bologna, nel 2007 i due rinnovano la loro sfida con Piantella che si riprende il titolo con la misura di 5 metri e 50.
Nei 1500 metri Elisa Cusma, ex Cittadella Modena ora portacolori dell’Esercito, detentrice del titolo 2006, dapprima iscritta alla gara decide di dare forfait per concentrarsi sulla gara degli 800 metri, la gara è stata vinta dalla sua compagna di squadra Sara Palmas che negli ultimi due giri di pista allunga sulle sue dirette avversarie mettendo la parola fine alla gara con i tempo di 4:20.50 al secondo posto si piazza allo sprint Eleonora Berlanda 4:21.53 (Esercito), terza Dal Ri Federica 4:21.55 (Fiamme Oro).

Foto Simone Proietti

fonte: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *