ITALIANI INDOOR 2007 – IL COMMENTO DI FIORENZO MANZONI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La sveglia alle 5.30 del mattino è terribile, ma questa volta lo faccio volentieri, perchè l’obbiettivo sono i campionati italiani indoor Master. Dopo 4 ore di viaggio arrivo ad Ancona e mi fiondo verso il palaindoor già visitato lo scorso anno con risultati così così. Quest’anno i problemi legati alla schiena mi hanno lasciato in pace e sono riuscito ad allenarmi con una certa costanza (anche se il lavoro non lascia molto spazio…) quindi punto a tornare ai tempi del 2005.

Il primo giro all’interno del palaindoor serve a rintracciare il mio compagno di società Edo Fontana e a salutare il folto gruppo di amici (e forumisti) che hanno già cominciato la loro avventura. Trovo subito Nani Prampolini che mi confida la sua delusione per la prestazione appena effettuata, anche se è arrivato in zona medaglie. Alla postazione del peso vedo anche Franco Pizzi che sta provando. Anche lui alla fine non sara soddisfatto della misura che comunque gli vale il secondo posto. Continuo a girare ed incontro il gruppo dell’Atletica Calvesi nel quale, dopo i doverosi saluti a Lyana, trovo Alessandro Cipriani, ostacolista/velocista/forumista già pronto per le sfide della giornata. Incontro in tribuna anche Manuela Furlan, velocista (e, naturalmente, forumista) che mi racconta delle sue tensioni per il fatto di tornare a gareggiare dopo anni, a me sembra molto carica e pronta per delle belle prestazioni.
Basta saluti, è arrivato anche il momento delle gare, scendo in pista ed inizio il riscaldamento per i 60m. Ed è proprio durante il riscaldamento che vedo la gara di Manuela che si piazza seconda anche se la partenza non è stata impeccabile, come ritorno alle gare non c’è male, pronti…..via….medaglia d’argento, brava Manuela!
Ma forse è meglio che io non parli della partenza di Manuela, ma della mia…infatti i miei 60m sono stati inficiati da una partenza pessima, ho visto tutti gli altri schizzar via, fortunatamente sono….ripartito ed ho chiuso in 8”26, tempo “standard” di quest’anno (3 gare, 3 volte 8”20 e rotti). Dopo la mia gara mi sono seduto ad ammirare le serie successive dove ho visto la forza dei nuovi arrivati nella mia categoria: D’oro, Balsamini, Ceola, Leoni etc. Grandissimo il 7”32 di Giancarlo D’oro! Ho avuto modo anche di vedere il nuovo primato italiano MM40: 6”96 di Mario Longo!!
Giusto il tempo di riprendere il fiato ed è già tempo di prepararsi per i 400m. Quest’anno ho già provato a correrli, ma il risultato non è stato gratificante, tanto che gli amici forumisti mi hanno rimproverato dicendomi che non si tratta di una gara di mezzofondo!! So che non devo esagerare con il riscaldamento perchè poi arrivo stanco alla gara, quindi ad un certo punto mi metto a passeggiare sù e giù guardando le altre serie e vedendo la gara di Alessandro Cipriani che riesce a spuntare il terzo posto con una bella battaglia finale, quasi allo scontro fisico!
Tocca a me. In questa gara devo riuscire nell’obbiettivo di stare sotto il minuto, cosa che non mi riesce da oltre un anno, e dimostrare ai miei amici che non sto correndo una gara di mezzofondo, quindi decido di fare una gara scellerata, partenza a razzo e vediamo cosa succede poi. Allo sparo schizzo via veloce, sbircio il passaggio ai 200: 28”89, spingo ancora fino ai 350 dove un’ondata di acido lattico mi rende le gambe pesantissime, sento l’amico Pino Pilotto che grida “tira sù le gambe!!!!”, ma non mi riesce più niente, ho una falcata inferiore al mezzo metro, la testa completamente incassata nelle spalle, ma arrivo lo stesso: 59”91! Ce l’ho fatta, Rosa Marchi mi aveva pronosticato 59”90, adesso sul biglietto da visita, oltre ad atleta, giornalista, fotografa, dovrà aggiungere “veggente”. Rientro in albergo estremamente soddisfatto, cercando di non pensare alla gara di domani, ma alla cena che mi aspetta insieme ad un bel gruppo di amici (forumisti e non).
Domenica mattina è la volta dee 200m, quella che considero la mia gara preferita. Durante il riscaldamento mi si avvicina Pino (Stachanov) e mi chiede se posso prestargli le scarpe da velocità, le sue sono scomparse (dimenticate dove??) insieme alla maglietta della società. Naturalmente, tenendo fede al suo nomignolo di forumista, corre la sua serie di 200m tra una pausa e l’altra della gara di salto in lungo. Prima di lui avevo assistito alla gara di Manuela Furlan sui 200m, ed anche qui è riuscita a portare a casa una bella medaglia (bronzo). Gran bel rientro…
Vedo anche la gara di Alessandro Cipriani, purtroppo questa volta non gli riesce di arrivare a medaglia, anche lui sconta l’arrivo di nuovi atleti nella sua categoria (…e l’anno prossimo ci sarò anch’io eh eh eh…). E’ ora, mi preparo sui blocchi con l’intenzione di fare una gara come quella di ieri, sto bene ed ho la mente libera. Parto bene e non bado agli altri che sono davanti a me, corro abbastanza rilassato e non sento nessuno, all’ultima curva riesco ancora a spingere e concludo con un buon 26”38, mio primato personale indoor!!

Sono entusiasta, è stata il mio miglior campionato indoor (questo è il terzo), mi ero messo come obbiettivo del 2007 di avvicinarmi ai tempi del 2005 e, per quello che riguarda le indoor, ci sono riuscito, anzi mi sono migliorato! Anche per quest’anno è fatta, insieme a Pino mi faccio accompagnare in stazione da Nani. Sul treno del rientro analizziamo le nostre gare, parliamo di allenamenti e scherziamo cercando di far passare il tempo. Ci lasciamo a Milano con la promessa di ri-leggerci sul forum e di rivederci alle prossime gare.
Rientro a casa con la felicità nell’animo, ho passato due giorni straordinari, in bellissima compagnia e con dei risultati personali che mi legano sempre di più all’ambiente MASTER ed alle grandissime persone che lo compongono.

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Per tutti gli atleti che utilizzano l’autobus per andare dalla stazione al Palaindoor:
come vi sarete accorti tutti, l’autobus non è il 42 come indicato da 2 anni nei comunicati Fidal, ma il 41. Forse non tutti sanno ancora che il 41 la domenica non parte dal piazzale della stazione, ma da piazza Ugo Bassi. Dalla stazione basta prendere il bus ¼ (lato stazione) e, dopo 3 fermate scendere alla stazione degli autobus di piazza U. Bassi. Gli orari domenicali prevedono la partenza del 41 ogni ora dalle 7:50 in poi.
Un grazie di cuore alla persona che ce l’ha spiegato.

fonte: Fiorenzo Manzoni per Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *