35TH WORLD CROSS COUNTRY CHAMPIONSHIP

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Mombasa (KEN). Ancor prima della cronaca di un grande evento sportivo quale un Campionato mondiale di Cross, lo svolgimento della gara più attesa, quella senior maschile, fornisce elementi a sufficienza per un thriller. A far notizia è la caduta dal trono del Re Bekele, evento che si tinge però di giallo. L'etiope, dopo una gara condotta in testa dall'inizio, nella quale è apparso nettamente superiore agli avversari, permettendosi anche di bere dai rifornimenti, dopo una progressione iniziata a metà gara ha allungato deciso. Fino a quel momento l'unico avversario che sembrava tenere il passo di Bekele era l'eritreo Tadesse, salvo poi cedere anch'esso nel momento in cui il pluriprimatista mondiale ha deciso di andarsene. Quando sembrava che i giochi fossero ormai fatti, improvvisamente Bekele ha rallentato vistosamente facendosi raggiungere da Tadesse. Poco dopo altro colpo di scena: era Tadesse stesso che allungava in modo deciso senza che l'avversario rispondesse.

La gara però non aveva ancora finito di regalar emozioni e stava per avvenire l'ennesimo stravolgimento. Bekele, ormai staccato, alla fine dell'ultimo giro decide un misterioso ritiro. Le inquadrature televisive mostrano il dominatore delle ultime cinque edizioni uscire sconsolato dal percorso e rifiutare l'assistenza dei sanitari, non mostrando particolari problemi fisici. Ad infittire la trama si aggiunge un replay proposto nelle fasi centrali di gara, quando il gruppo era ancora compatto, che ritrae Kenenisa Bekele in prima linea che sembra allargare le braccia verso il cameraman. Questo gesto, assieme ad altri elementi per ora senza apparente connessione, potrebbe assumere significato nelle prossime ore o nei prossimi giorni quando giungeranno notizie più approfondite per spiegare il misterioso svolgimento della gara che, potrebbe avere motivazioni, sempre e comunque da verificare, di natura extra sportiva.

Lasciando per ora da parte questo episodio, che ha segnato la manifestazione, per dovere di cronaca proseguiamo con il resoconto delle altre gare in programma facendo innanzitutto il punto sulle prestazioni degli azzurri.
La nota più lieta per i nostri colori assume le delicate fattezze della piemontese dell'Esercito Elena Romagnolo, capace nella gara senior femminile di conquistare un prezioso 27° posto (nona europea) tra le 94 atlete al via; assieme a lei era in gara Valentina Belotti che ha colto il 53° posto. In questa gara, un po' a sorpresa c'è da segnalare la vittoria dell ex keniana ora olandese di adozione Lornah Kiplagat, che sembrava un gradino sotto come chance di vittoria alla vigilia, rispetto alle etiopi Tirunesh Dibaba e Melkamu. Nella gara junior maschile, su un lotto di circa 130 partenti Crespi ha raggiunto il 60° posto a 3'12″ dal vincitore (il keniano Asbel Kiprop) seguito da Turroni 73°, Pedotti 79°, Brancato 90°, Pirillo 92° e Seppi 101°. Nella stessa categoria alla gara femminile ha preso parte Maria Sgarbanti che ha colto il 53° posto a 4' esatti dalla vincitrice Barasa Linet Chepkwemoi (KEN). Di seguito pubblichiamo in formato testuale i risultati completi della manifestazione.

fonte: IAAF / Redazione Foto:Simone Proietti

ALLEGATO: ANet_news_RISULTATI_COMPLETI_24.3.2007.txt (82 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *