EUROINDOOR 2007: ITALIANI TRA CONFERME E NOVITA’

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La partecipazione italiana agli Eurindoor di Helsinki è stata in larga parte segnata da riconferme; su tutte quelle di Bruno SOBRERO (3 ori e 1 argento) e di Enrico SARACENI (3 ori). Non sono mancate però le novità, alcune attese come la vittoria di Aldo DEL RIO (400mt. M60); altre decisamente sorprendenti perché non pronosticate ed ottenute con grandi prestazioni, in particolare quelle di Patrizia ALETTA (martellone W35 con 15,00) e di
Giorgio GENNARI-LITTA (1.500mt. M40 con 4’04”15). (Nella foto di F. Pizzi la lotta finale sui 200 mt. tra Anthony Noel ed Enrico Saraceni)

Entriamo nei particolari proprio con quest’ultimo atleta caduto come un U.F.O. tra i master italiani. GENNARI-LITTA (1967-M40, della Cento Torri Pavia, tesserato senior-assoluto) lo si era visto per la prima volta nell’ambiente vincere con un vantaggio abissale (4’11”55 contro 4’23”67 del 2°) il titolo italiano dei 1.500 mt. ad Ancona ad inizio marzo. Lo scorso anno ha corso la distanza in 3’58”40 e nel 2005 in 3’57”43; meentre non si hanno sui tempi nelle annate precedenti. Comunque il lombardo è stato un discreto specialista del mezzofondo negli anni ’90 con primati personali di 1’51”4 sugli 800 mt. e di 3’44”86 sui 1.500 mt. ottenuti entrambi nel 1996

Della campana ALETTA (1971) invece abbiamo molte più notizie essendo da molti anni nella cerchia delle più forti martelliste italiane. La sua clamorosa prestazione di Helsinki nel martellone (15 metri esatti, a soli 23 cm. dal primato continentale delle W35) deriva dal suo notevole potenziale da martellista, specialità in cui vanta un primato personale di 56,08 (1998). Inoltre ha personali di 13,20 nel peso e di 44,04 nel disco. Lo scorso anno era stata 2° con 13,40 nel martellone ai Campionati Italiani di Misano, battuta dalla primatista Santa SAPIENZA con 14,49. Inoltre sempre nel 2006 ha lanciato il martello a 50,57. Evidentemente la ALETTA durante l’inverno s’è molto applicata nella nuova specialità ed ora può pensare anche al podio dei Mondiali.

Tra i volti nuovi sul gradino più alto di un campionato internazionale ci sono poi quelli dei lombardi Aldo DEL RIO (1946-M60) nei 400 mt. e di Enzo AZZONI (1931-M75) sui 60 ostacoli. Entrambi hamnno coronato di un lungo inseguimento a questo riconoscimento agonistico. In particolare ciò vale per AZZONI, master della prima ora, quando alla fine degli anni ’70 già frequentava le manifestazioni dell’atletica master e che alcune settimane fa ha ottenuto anche il primato continentale di categoria con 11”19. Una fortunata novità è stata poi la vittoria del pescarese Fernando FUSCO (1967-M40) nel salto con l’asta, che premia la scelta di rilanciare la sua carriera agonistica nel mondo master.

Le altre vittorie italiane sono state, per così dire, di ordinaria amministrazione, abbastanza pronosticate, Anche se Carla FORCELLINI ha dovuto trovare il meglio di sé per battere nell’asta W45 l’olandese Van der KAMP; e SARACENI ha avuto la meglio nei 200 mt. M40 dell’inglese NOEL solo al fotofinish a parità di tempo.

Tra le medaglie dei piazzati meritano una particolare sottolineatura quelle delle velociste. Venerdì 23 marzo, a distanza di pochi minuti una dall’altra, hanno conquistato il bronzo nei 60 metri Pasqualina CECOTTI nelle W65 con 9″85 (m.p.i. eg.), poi Giuseppina SANGERMANO nelle W60 con 9″52 (nuova m.p.i.) e quindi Cristina DE GRANDIS nelle W50 con 9″01. Domenica 25 sui 200 metri hanno vinto l’argento la CECCOTTI con 33”43 e la SANGERMANO con 31”80 (nuova m.p.i. F55 e 60); inoltre queste due più la MAZZENGA e la DEL GIUDICE (improvvisata velocista) si sono portate a casa la medaglia di bronzo della staffetta 4×200. Una bella prova collettiva!

In definitiva è stata una partecipazione dei master azzurri secondo programma. In attesa di vedere e commentare imprese di altro livello a settembre.

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *