FIDAL VENETO, REPLICA DI CRIPPA E ZORZI A VALENTE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La replica si riferisce al comunicato di Paolo Valente (presidente dimissonario Fidal Veneto) che si può leggere [cliccando qui] (ndr).

Per completezza di informazione consigliamo di consultare anche la news nel modulo regioni di Atleticanet dal titolo: [ASSEMBLEA REGIONALE VENETO, ZORZI CONTRO VALENTE].

Con riferimento a quanto in oggetto desideriamo precisare quanto segue.
Al paragrafo 2, si riporta che il bilancio 2006 del CR Veneto è stato inviato alla Federazione Centrale che ne ha attestato regolarità.
Le rammentiamo che la Federazione Centrale validerà, forse, il Suo bilancio solo il 20 aprile quando si riunirà il Consiglio Federale.
Nel proseguo afferma che ai consiglieri Crippa e Zorzi era stato dato mandato di registrare tutte le “poste” in sospeso ed i controlli di routine, lodando il V.P. Vicario che è riuscito a consentire una corretta redazione del bilancio.
Mi permetto di dissentire quanto da Lei affermato in modo approssimativo, come sempre.
In occasione della delibera presidenziale del 12 settembre 2005 era stato dato mandato al V.P. Vicario di provvedere alla stesura del progetto da far sottoscrivere a F. Valente e, al punto 2, era indicato chiaramente che il referente interno con cui la stessa doveva coordinarsi era il V.P. Vicario medesimo.
Tale contratto si è reso necessario, in quanto MdS C. Gamberini con il primo settembre 2005 è andato in quiescenza; i contatti sono sempre stati molto limitati e solo per ricercare documenti per i contributi regionali.
Ovviamente il rapporto di lavoro era iniziato ben prima della delibera di presidenza e comunicato al consiglio regionale solo ad ottobre.
Pertanto nulla è da imputarsi a Crippa, che all'epoca, era solo consigliere.
Solo alle dimissioni, per motivi familiari, da vice presidente della G. De Boni, è stato nominato (marzo 2006) come vice presidente Crippa a cui Zorzi si è reso disponibile per dare una mano.
Con la stessa tempestività nel consiglio del 6 novembre 2006 al punto 4 dell'ordine del giorno, vi era la trasformazione del contratto da part-time a full-time della dipendente del comitato regionale V. Varotto con decorrenza dall'1 settembre 2006 per far fronte alle dimissioni di F. Valente, comunicazione ufficiale resa ben due mesi dopo come da prassi consolidata dal signor Paolo Valente.
Il periodo di addestramento della nuova addetta all'amministrazione, era incominciato ben prima con corsi tenuti anche Roma.
Nel giugno 2006 in un incontro programmato in comitato regionale, per reperire la documentazione cartacea (2005) necessaria per riscuotere i contributi stanziati dalla Regione Veneto, abbiamo conosciuto il consulente della FIDAL.
Il medesimo stava addestrando la signora Varotto su come trattare i documenti contabili ed il relativo inserimento, della Sua presenza eravamo del tutto disinformati.
Crippa è stato coinvolto solo saltuariamente.
Una di queste occasioni è stato l'incontro con il consulente, della FIDAL, per la gestione dell'amministrazione dei comitati regionali presente anche il V.P. Vicario dove è stato constatato:
– poichè la confusione è molto diffusa, ci sono liste di crediti e di debiti alquanto improbabili, per loro inevitabile ammissione le casse non combinano da almeno due anni con le risultanze di quanto registrato, ritengo doverosa la presente comunicazione, per quanto di vostra competenza;
– anche perchè, nel frattempo quello che si sta facendo in pratica è un'ampia cancellazione di debiti e, soprattutto, di crediti significativi; pensando che nel primo caso si faranno eventualmente vivi i creditori, nel secondo caso si spera, eventualmente, che succeda lo stesso con i debitori;
– in realtà, si suppone che per molti documenti non sia stato registrato l'avvenuto pagamento o l'incasso; appurato che questo era effettivamente vero per documenti (anche di anni precedenti) a loro ben noti, si ha la dimostrazione matematica che i conti di cassa non possono corrispondere.
Solo successivamente è stato coinvolto Crippa, a cui si è aggiunto Zorzi, solo in due campi specifici e precisamente: ricognizione dei debiti/crediti delle società (corsa su strada) per accertare le tasse gare e SAV e controllo dei rendiconti dei bilanci dei comitati provinciali, cosa che è stata possibile fare solo nei mesi di dicembre/gennaio perchè i dati contabili non erano ancora disponibili.
Si fa altresì presente che in data 15 febbraio 2007 non abbiamo potuto approvare i verbali dei consigli regionali del 6/11/2005, 22/11/2005, 6/12/2005, non ancora disponibili, in quanto si doveva ancora smaltire l'inserimento dei dati relativi al bilancio 2006, cosa questa che non dipendente dai consiglieri Crippa e Zorzi.
Non competeva certamente a noi, inserire i dati ma solo accertarli e comunicarli al V.P. Vicario.
Si conclude senza ombra di dubbio che nel passato anche recente non si è mai dato la debita importanza al controllo dei dati contabili malgrado che da tempo il problema fosse stato ben evidenziato e che il tutto era accentrato da parte del V.P. Vicario.
La prova del ritardo delle presentazioni del bilancio è stata fornita dal Revisore Regionale il quale ha inviato via fax, il 26 febbraio 2007 alle ore 19, sia per il parere della variazione del bilancio di previsione 2006 (datato 30/11/2006) che il parere del bilancio consuntivo 2006.
Dai fatti su riportati è evidente che in molte occasioni alcuni consiglieri abbiano votato no alle sue delibere e/o progetti che dato il lasso di tempo erano già stati iniziati.
Noi confidiamo che le sue esternazioni siano terminate perchè siamo determinati a confutarle con ancora maggiori e più dettagliate repliche.

Giancarlo Crippa
Sergio Zorzi

fonte: Giancarlo Crippa – Sergio Zorzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *