THOMAS ZACHARIAS M60 SALE A 1,79

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Prosegue l’ascesa del primato mondiale dei 60enni nel salto in alto cominciata il 24 marzo dal tedesco Thomas ZACHARIAS (02/01/1947) saltando 1,77 sull’isola di Lanzarote alle Canarie. Due settimane fa il tedesco ha superato 1,78 e ieri, di nuovo in pedana ad Arrecife, ha scavalcato 1,79. (Foto tratta dal sito personale di Zacharias – http://www.thomas-zacharias.de/)

Il tedesco ha rilasciato un’intervista pubblicata dal sito di Annette KOOP www.masters-sport.de. Dice Thomas ZACHARIAS: “Giuro che non voglio fare notizia a tutti i costi. Cerco sempre di superare la prossima altezza come posso. E non si sà quando sarò ancora in questa forma. Con 1,79 ne ho aggiunto ancora uno di centimetri e mi sono accorto che ho ancora qualcosa dentro. L’1,80 deve venire! Il mio sogno sarebbe superare 1,84 (la mia altezza). Tipicamente il saltatore in alto è sempre un poco megalomane! Però l’1,81 oggi mi hanno fatto paura!”

Per la prima volta quest’anno ZACHARIAS ha utilizzato la rincorsa con 4 passi invece di soli 3, che gli consente una velocità di 3,7 m/sec. invece di 3,4 m/sec. Zacharias: “3,7 m/sec. è al limite di quello che posso trasformare in altezza. La gara però non era cominciata bene. I primi salti su 1,60 – 1,64 – 1,67 sono stati pessimi. Il salto a 1,70 è stato già meglio. Le misure di 1,73 e 1,76 le ho saltate ancora con la tuta, per stuzzicarmi: Si ha su ogni altezza tre prove, no? e ci si può sempre levare la tuta… Nel primo tentativo a 1,79 ho saltato malissimo; poi però il secondo l’ho azzecco al 100%: mi alzo benissimo, giro perfettamente, assolutamente non tocco con niente l'asticella. E’ stato il mio miglior salto da negli ultimi 15 mesi. Poi la concentrazione se ne andata. Su 1,81 non avevo nessuna possibilità.” Pensiamo che presto avremo altre sue notizie.

fonte: Pino Pilotto / www.masters-sport.de

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *