FLASH: FLORA LONDON MARATHON, I RISULTATI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La Flora London marathon edizione 2007, è stata una competizione senza dubbio dalle motissime facce. Facce sorridenti come quella della cinese Zhou Chunxiu, che conquista una prestigiosa vittoria che le permette di guadagnare la leadership della classifica femminile del challenge mondiale “World marathon Majors” che comprende Boston, Londra, Berlino, Chicago e New York. Il passaggio veloce in 69'58″ a metà gara, dove il gruppo di testa era composto ancora da 5 atlete (Zhou, Kiplagat, Adere, Dita, Wami) ha lasciato presagire che a questi ritmi la situazione avrebbe potuto assumere da un momento all'altro le sembianze di una roulette russa con un crollo piuttossto netto di qualcuno. Fino al 30° km Wami e Kiplagat hanno cercato di tenere il passo della vincitrice mentre la Dita transitava con 1' di ritardo. Al traguardo il podio si è completato con l'arrivo in 2h21'45″ dell'etiope Gete Wami e in 2'23″55 della romena Costantina Tomescu-Dita.
L'ordine di arrivo delle prime è stato:

ZHOU, CHUNXIU (CHN) 2:20:38
WAMI, GETE (ETH) 2:21:45
TOMESCU-DITA, CONSTANTINA (ROM) 2:23:55
KOSGEI, SALINA (KEN) 2:24:13
KIPLAGAT, LORNAH (NED) 2:24:46
YAMAUCHI, MARA (GBR) 2:25:41

Faccia allegre anche quella del keniano Martin Lel, allenato dal “guru” del mezzofondo Dottor Gabriele Rosa, che si prende la rivincita per la vittoria sfumata di un soffio l'anno scorso ad opera del connazionale Felix Limo. La competizione maschile è stata avvincente e ricca di colpi di scena: avrebbe fatto sensazione quello che stava per mettere a segno il marocchino Abderrahim Goumri, capace di tenere il fiato sul collo fino alla fine a Lel. Altre sorprese sono arrivate, purtroppo, da quelle che possono definirsi le facce tristi di giornata, ovvero gli eccellenti ritirati come l'etiope Gebreselasie e il nostro Stefano Baldini, entrambe molto attesi.
Il gruppo è andato man mano sfilacciandosi dopo aver iniziato subito sul piede dei 3'01/km (che è stata anche la media finale) e tutti i maggiori protagonisti fino a metà gara sono stati compatti. Le ostilità si sono aperte ufficialmente dopo il 40° km, dove transitavano Lel, Limo, Goumri, Gharib, Tergat e Ramaala insieme in 2h01'13″. A questo punto chi aveva ancora energie da spendere è venuto allo scoperto e gli ultimi metri hanno stabilito il seguente ordine d'arrivo:

LEL, MARTIN (KEN) 2:07:41
GOUMRI, ABDERRAHIM (MAR) 2:07:44
LIMO, FELIX (KEN) M25 2:07:47
GHARIB, JAOUAD (MAR) 2:07:54
RAMAALA, HENDRICK (RSA) 2:07:56
TERGAT, PAUL (KEN) 2:08:06
HALL, RYAN (USA) 2:08:24
GOMES, MARILSON (BRA) 2:08:37

Al momento non ci è dato sapere il motivo del ritiro del nostro campione olimpico Baldini e di “Gebre”, non appena saranno diffuse le dichiarazioni dei protagonisti potremo entrare nella notizia ed approfondirla in un articolo successivo.

fonte: http://www.london-marathon.co.uk / Redazione ANet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *