PRIMI BAGLIORI DELLA STAGIONE 2007 NELLO SPRINT ITALIANO.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

In attesa del meeting internazionale di Pavia, considerato come il primo banco di prova per la stagione 2007, gli animi si scaldano nel meeting della Quercia d'Oro.
Nel prestigioso meeting trentino della quercia D’oro, Alessandro Guazzi, vince i 200 metri con un discreto 21″67 per poi cimentarsi nei 100 metri che vince con il tempo di 10″60, suo nuovo primato personale e al momento una delle migliori prestazioni italiane della stagione appena iniziata.

Il giovane ventenne portacolori della studentesca Cariri, allenato da Paolo Bicceri, guru della società Delta Sassuolo, non sembra darsi pace, a distanza di soli dieci giorni dal precedente primato, stabilito al meeting Liberazione di Modena, strappa un nuovo risultato che lo spinge ancora più su nei vertici dello sprint italiano.
Una vittoria discreta nei 200 metri che non lo ha convinto più di tanto, con qualche errore nell’uscita dalla curva e qualche irrigidimento muscolare, un mix che gli ha lasciato l’appetito giusto per lanciarsi nei cento metri a testa bassa.
La partenza nella gara, che, per antonomasia rappresenta lo sprint d’eccellenza, non è stata delle migliori, tanto che Alessandro è rimasto molto indietro rispetto ai suoi avversari, ma nella seconda fase della gara, distendendosi, l’atleta sassolese è riuscito a strappare la vittoria dalle mani dei suoi avversari battendoli di due decimi.

Intervistato l’atleta emiliano ha cosi commentato le sue prestazioni.
Non credi che concentrarsi su una sola gara ti avrebbe giovato di più? No! Perché correndo i 200 metri mi sono decontratto al punto giusto per affrontare un buon 100 metri. Il tuo tecnico Paolo Bicceri cosa ti ha detto subito dopo la gara? Lui è sempre molto esigente, nonostante il mio nuovo record anche oggi non è stato da meno, oggi ha esordito freddamente affermando, che se riesco a fare il mio record personale correndo così male, potrei fare scintille imbroccando la gara giusta.
I tuoi prossimi appuntamenti? A Pavia il 13 maggio nel meeting internazionale con i migliori sprinter che scenderanno in campo per scaldare i muscoli in vista dei prossimi impegni nazionali e internazionali.
Nel meeting di Rovereto comunque hai dimostrato di valere di più? Volevo farmi notare per attirare un po’ l’attenzione su di me, lanciare un segnale ai vari presenti.
Hai qualche appunto da farti?
Il mio unico cruccio è che amo molto i 200 metri, ma trascurando i 100 metri, non ho curato una parte importante di me.

fonte: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *