GRAN PREMIO D’ANDALUCÍA CON AZZURRI IN GARA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Lo scorso fine settimana si è svolto il Gran Premio dell’ Andalucía “Juan Benjumea” di Herrera, prima grande manifestazione spagnola di atletica leggera di questa stagione. Il meeting si è svolto registrando ottimi risultati malgrado il vento contrario soprattutto nel rettilineo finale che ha penalizzato soprattutto le prove di velocità.

Partendo proprio da queste discipline annotiamo la vittoria nei 100 uomini del campione europeo, il portoghese Francis Obikwelu che nonostante il 2.5 metri di vento contrario ha corso in 10”34. Nella stessa gara, l'azzurro Luca Verdecchia delle FF.OO. ha corso nel tempo di 10”72 giungendo quinto. Discreti i 400hs vinti in 46”86 dal britannico Andrew Steele ma di interesse maggiore la gara sul doppio giro di pista per la presenza di un altro azzurro, Maurizio Bobbato e di una stella locale, lo spagnolo Reina originario di Osuna, una località a pochi chilometri da Herrera, la sede del meeting. Dopo un primo giro in 53”46 da parte di un pacemaker spagnolo, sul finale di gara Reina è uscito sul keniano Chirchir ma il polacco Marcin Lewandowski ha avuto la meglio su tutti andando a vincere col tempo di 1'49”07. Per il nostro Bobbato il discreto tempo di 1'49”87 che gli è valso la quinta piazza.

Interessanti le gare di mezzofondo veloce. Nei 1500 vince l'etiope Deresse Mekonnen Tsigu in 3'36”41 mentre i 3000 infiammano il pubblico per la presenza del campione europeo dei 5000 lo spagnolo Jesus Spain visto come uno dei pochi europei capaci di impensierire i forti atleti africani. Così è stato almeno in parte. Si presentano in cinque nel rettilineo finale per la vittoria ma ha la meglio il veloce marocchino Abdelaati Iguider che vince in 7'41”95 davanti all'etiope Bikila Demma e all'atleta di casa Spain in forte recupero sugli altri atleti in lizza per le piazze d'onore.

Vanno in archivio i 110hs senza particolari sussulti, un vento contrario di tre metri ha condizionato fortemente la gara vinta dall'atleta di casa Jackson Quiñónez in 13”73. Atipico ed interessante il 2000 siepi corso e vinto con grande intensità dall'etiope Robs Gari in 5'19”96

Di un qualche interesse per noi italiani la gara del peso dove c'era la presenza del nostro Paolo Capponi. Vince la gara lo statunitense Garrett Johnson che si prende il lusso di superare la soglia dei 20 metri (20.01) mentre buon settimo posto per l'azzurro che sigla 18.58 e una serie di lanci tutti sopra i 18 metri. Bella infine la gara del disco dove ricompare un beniamino di casa, Mario Pestano. La gara è appannaggio del polacco Piotr Malachowski che all'ultimo lancio spara l'attrezzo alla ragguardevole misura di 65.18.

In ambito femminile i 100 vengono vinti in 11”55 dalla ventunenne atleta di casa Josephine Onya davanti alla misconosciuta americana Antonette Carter mentre gli 800 sono ancora di dominio africano grazie alla vittoria della marocchina Hasna Benhassi che chiude la gara in 2'02”24.

I 1500 hanno visto la presenza di un'altra italiana, Eleonora Berlanda che si è ben comportata. Pur facendosi staccare dal duo di testa, è riuscita a siglare un buon 4'17”09 che gli è valsa la terza piazza. Vittoria invece per la canadese Hilary Stellingwerff protagonista di un finale piuttosto convincente che l'ha portata sulla linea del traguardo in 4'12”71.

Festa spagnola nel salto in alto dove l'atleta Ruth Beitia dopo un probante 1.96 in Qatar alcuni giorni fa ha deliziato il pubblico di casa con un salto a 1.94 vincendo la gara davanti alla canadese Nicole Forrester ferma ad 1.89. Il salto in lungo, pur se inficiato da un vento oltre il consentito (+3.3) fa registrare un balzo di una certa rilevanza. Vince infatti la gara la polacca Malgorzata Trybanska con la misura di 6.81 davanti alla giapponese Kumiko Ikeda che più che saltare, vola a 6.70 col supporto di un vento a favore di 5.5 m/s

Vittoria nel peso per la tedesca Nadine Beckel con 17.40 mentre vittoria spagnola nel giavellotto con il bronzo di Goteborg 2006, Mercedes Chilla Lopez che scaglia l'attrezzo a 58.25.

fonte: http://www.rfea.es – Foto: Atleticanet-Simone Proietti

ALLEGATO: ANet_news_I_risultati_22.5.2007.pdf (147 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *