THALES FBK GAMES, HENGELO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

davanti a Kenyans Eliud Kipchoge (26:49:02) e Moses Mosop (26:49:55).

I più attesi alla vigilia erano Jeremy Wariner e Kenenisa Bekele.
Il quattrocentista americano ha fatto registrare il tempo di 44.43,
a quattro decimi dallo stagionale firmato ad Osaka in 44.03 in una serata un po’ fresca per la velocità. Il campione olimpico ha perso l’occasione di portarsi a casa 10.000$ validi per chi si fosse esibito sotto i 44 secondi.
Il campione etiope si è mostrato nella distanza atipica dei 2miglia, con un rush finale di 275 metri che gli ha permesso di anticipare tutti con il tempo finale di 8'13″51.

Sempre nel mezzofondo altra miglior prestazione mondiale dell’anno firmata dal keniano Paul Kipsiele Koech, medaglia di bronzo all’ultima olimpiade, che ha corso i 3000siepi in 8:01:05.
Nel salto in lungo Irving Saladino, l’avversario numero uno di Andrew Howe, ha eguagliato gli 8.53 già saltati questo mese, dimostrando la sua condizione già ottima.
Continuando la serata magica del mezzofondo, la rappresentante dell’Etiopya Gelete Burika ha preso le redini dei 5000 fermando il cronometro in 14'38″18 nuova miglior prestazione mondiale, mentre la beniamina di casa Lornah Kiplagat ha terminato in sesta posizione.

Oltre alla kermesse mondiale si sono esibiti anche i campioni olandesi come l’astista Rens Blom, il pesista Rutger Smith , l’ottocentista Bram Som e l’ostacolista Gregory Sedoc. Quest’ultimo ha ottenuto il record personale dei 110hs in 13″37 battuto dall’americano Ryan Wilson (13″33).

Quinto posto per il campione del mondo Rens Blom che ha valicato l’asticella posta a 5.50 nella gara vinta dal veterano Jeff Hartwig (5.70). Vittoria per il pesista Rutger Smith che con la misura di 20.85 ha superato gli avversari, in primis Andrei Mikhnevich e Garrett Johnson che hanno lanciato rispettivamente 20.21 e 19.80. Infine Bram Som negli 800 è stato artefice di una volata spettacolare che ha visto 5 uomini raccolti in un fazzoletto. Abraham Chepkirwok dell’uganda ha avuto la meglio con il tempo di 1:45:35, secondo il campione del mondo junior Wilfred Bungei (1:45:46) mentre Som è giunto 4°.

Nei 100, sia maschili che femminili, le previsioni non sono state rispettate: tra gli uomini l’americano Shawn Crawford ha dovuto arrendersi alla velocità di Churandy Martina che ha vinto in 10.09 davanti a Crawford(10.22) e a Briton Marlon Devonish (10.25); mentre la campionessa belga Kim Gevaert è stata anticipata di un centesimo da Me’Lisa Barber in 11.35.
Infine il disco femminile ha visto Vera Pospilova darsi battaglia con la tedesca Franka Dietsch. Alla fine ha avuto la meglio la Pospilova che ha lanciato a 64.49 rispetto alla Dietsch (64.19).
Unica rappresentante italiana in gara era Silvia Weissteiner che nei 5000 ha raccolto un bel 7° posto con il tempo finale di 15:16.19 che rappresenta il suo nuovo limite personale e la quinta prestazione italiana all-time.

fonte: IAAF

ALLEGATO: ANet_news_Risultati_completi_28.5.2007.txt (9 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *