UOMINI E DONNE DIVISI AI MONDIALI DI RICCIONE! (WITH ENGLISH VERSION)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

San Sebastian, 2 settembre 2005 – All'Anoeta Stadio la britannica Virginia Mitchell ha appena vinto la finale dei 400 m categoria W40 con il tempo di 57”92. Ad attendere all'arrivo la neo-campionessa mondiale c'è il marito, Tony Mitchell, che ha appena disputato la finale del giro di pista per la categoria M45. I due si stringono in un forte abbraccio.
(Nella foto i coniugi Mitchell ai mondiali di San Sebastian – di R.Marchi)
Lo stadio è gremito di pubblico accorso per godersi lo spettacolo delle finali: si è iniziato con le categorie più anziane, alternando le finali maschili con le finali femminili, fino ad arrivare alle categorie più giovani e scattanti. Tre intense ore di gare durante le quali tutte le categorie (dalla M95 alla M35) si sono cimentate rappresentando le varie “anime” dell'atletica master e regalando piccole e grandi emozioni al pubblico in tribuna.
La stessa cosa era avvenuta otto giorni prima con le finali dei 100 metri, la gara più attesa nel programma dell'atletica. E lo stesso criterio, in linea di massima, è stato applicato a tutte le finali di corsa durante le precedenti edizioni dei mondiali master.

Ma questo, a Riccione, non succederà.

Osservando il calendario delle gare in programma dal 4 al 15 settembre, ci accorgiamo che le finali delle principali gare di corsa sono suddivise tra i due impianti di Riccione e Misano Adriatico (uomini da una parte e donne dall'altra). La finale dei 100 metri uomini si terrà il 7 settembre a Riccione, mentre la finale dei 100 metri donne si terrà lo stesso giorno ma a 5 km di distanza, a Misano Adriatico. La finale dei 200 metri si svolgerà il 9 settembre con gli uomini impegnati a Misano e le donne a Riccione, e così via. [Clicca qui per scaricare il calendario delle gare dal sito ufficiale]

Non conosciamo ancora gli orari delle gare e quindi non sappiamo se il pubblico potrà seguire entrambi le finali (spostandosi da stadio a stadio) oppure se ci saranno sovrapposizioni; in ogni caso questa situazione penalizzerà sicuramente lo spettacolo.

Abbiamo chiesto a Lamberto Vacchi (direttore del comitato tecnico responsabile dell’organizzazione dei Mondiali master) le motivazioni che stanno dietro a questa scelta. Questa la sua risposta:

“Il programma giornaliero delle gare è stato fatto dal Delegato Tecnico WMA (Il vice vice-presidente Rex Harvey) senza alcuna nostra possibilità di intervenire. Occorre poi tenere in considerazione che le tre Amministrazioni comunali coinvolte (Riccione, Misano Adriatico e S.Giovanni in Marignano) hanno affrontato il campionato effettuando forti investimenti per il rifacimento di piste e pedane. Ora le caratteristiche di S.Giovanni (pista a 6 corsie) rendono tale impianto più adatto alle gare su lunga distanza, mentre gli altri due impianti praticamente si equivalgono. Ambedue (Riccione e Misano) hanno voluto essere alla pari anche nella programmazione delle gare, ospitando le finali che peraltro si alternano in uomini e donne (cioè per un gara gli uomini sono a Riccione e per un'altra sono a Misano). Mi rendo conto che questo potrà creare qualche problema, ma quando i numeri sono alti – come spero saranno – occorre anche essere realisti”

Sarà. Noi avremmo preferito una suddivisione più verticale del programma, proponendo ad esempio tutte le finali dei 100 metri e 400 metri a Riccione e tutte quelle dei 200 metri e 800 metri a Misano Adriatico. Forse così si sarebbe riusciti a conciliare le esigenze di business con quelle del pubblico di appassionati e di atleti come Virginia e Tony Mitchell.

E il salto in alto M40 e M45?
E comunque le perplessità sulle scelte di decentramento delle gare del programma di Riccione non finiscono qui. Ad esempio le gare di salto in alto M40 e M45 previste il 10 settembre, sicuramente tra le più spettacolari e attese anche dal pubblico, saranno le uniche della specialità ad essere disputate sulla pedana di San Giovanni in Marignano, che, a detta di alcuni, sarebbe meno performante rispetto a quelle di Riccione e Misano. Ci si sarebbe atteso che queste due gare fossero programmate nel main stadium di Riccione, con il contorno di pubblico che meritano. In questo caso non può essere neanche tirata in ballo la contemporaneità di gare di salto in alto di altre categorie d’età: le pedane dell’alto sarebbero tutte disponibili.

MEN AND WOMEN FAR APART AT THE WORLD CHAMPIONSHIP AT RICCIONE!
(English version by Emanuela Stacchietti)

S.Sebastian, 2nd September 2005.
At the Anoeta Stadium the British runner Virginia Mitchell has just won the 400m. final in the age group W40 with the time of 57″92. Waiting for the new world champion at the finish line there was her husband Tony Mitchell who has just run in the 400m final in the age group M45. The two athletes hug each other happily.
The stadium is full of people come to enjoy the show of all the finals: starting from the older age groups -women and men- down to the younger and more sprinting ones.
Three exciting hours of races during which all age classes(from M95 to M35) tried their best to represent the real “master spirit” in a track and field competition and to give small and big emotions to the public on the stands.
The same thing had happened eight days earlier with the finals of the 100m.,the most longed for event in the whole athletics programme. And the same principle, on the whole, has been applied to all the running finals during the previous editions of the World Masters Athletics Championships.

But all this, at Riccione, won't happen.

Analyzing the race timetable scheduled from 4th to 15th September we can notice that the finals of the main running events are divided between the two stadiums of Riccione and Misano Adriatico (men on one side and women on the other). The final of M100m, for example, will take place on 7th September at Riccione, while the final W100m. will take place on the same day but 5 km. far apart at Misano Adriatico. The final of the 200m. will take place on 9th September with the men running at Misano and the women at Riccione and so on.
[Click here to download all the events timetable from the official site].

We don't know the exact starting hours of the races, yet, so we don't know ifthe public will be able to follow both finals (moving from stadium to stadium) or if there will be overlappings of events. In any case, for sure this situation will penalize the show.
We've asked Lamberto Vacchi (Director of the technical committee and in charge of the organization of the World Masters Athletics Championship) the reasons which lay behind this choice. This is his answer:
“The daily programme of the races has been decided by the WMA Technical
Delegate (the vice-president Rex Harvey) without any chance for us to modify it. Then you have to consider that the three City Administrations involved (Riccione, Misano Adriatico and S.Giovanni with a six lanes track) have faced this Championship by doing big money investments on the rebuilding of new tracks jumping and throwing fields. Now the characteristics of S.Giovanni (six lanes track) make this place more suitable to long distance races while the other two stadiums are practically the same. Both (Riccione and Misano Adriatico) have wanted to be equal also on the planning of the races hosting the finals of alternatively men and women (that is in one race men are at Riccione and in another one they are at Misano). I realize this scheme might create some problems but when the numbers are high -as I hope they'll be- you need to be realistic”
.

Maybe. We would have preferred a more vertical subdivision of the programme suggesting for example all the finals of 100m. and 400m. at Riccione and all those of 200m. and 800m. at Misano Adriatico. Perhaps in this way the business demands could have been combined with those of the public and the athletes like Virginia and Tony Mitchell.

AND THE HIGH JUMP M40 AND M45?

And anyhow our doubts about the choices of decentralization of the races don't finish here. For example, the M40 and M45 high jump races scheduled for 10th September, for sure among the most spectacular and longed for also by the public, will be the only ones of this particular event to be disputed on the jumping field of S.Giovanni in Marigliano which, according to some people, would be less performance-oriented than those of Riccione and Misano Adriatico. It could have been expected that these two competitions would have been programmed in the main stadium at Riccione with all the public they deserve. In this case, not even the contemporaneity of high jump competitions of other age groups can be called into question: all jumping fields would be available.

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *